Van de Sfroos apre il tour estivo a Tradate

Primo concerto all’aperto del cantautore comasco, in occasione della festa della biblioteca. Biglietti a prezzo contenuto per tutti, gratis i bambini sotto i 12 anni

È giunto il momento, il concerto di Davide Van De Sfroos, l’evento che chiude i sei mesi di attività della biblioteca di Tradate. Proprio per questo è stato deciso di mantenere un prezzo di ingresso contenuto per tutti (12 euro) e di istituire l’ingresso gratuito per i bambini sotto i 12 anni.
Il cantautore a gennaio ha presentato in biblioteca il suo ultimo libro e ora, sabato 3 giugno alle 21.30, torna a Tradate per aprire la stagione estiva dei suoi concerti all’aperto. con  “Ma vadavia ‘l blues”: «un concerto spettacolo – spiega il cantautore – che evoca storie, suoni ed esagerazioni dentro e fuori dal bicchiere. Anime nascoste sotto il tavolo e bottiglie svuotate con la scusa del BLUES. La palude incontra il lago o forse viceversa e allora tutti su di un palco  a rubarsi le ombre».

Il concerto vede la partecipazione di un cast di musicisti internazionali: Sugar Blue, straordinario armonicista di New York che vanta trascorsi con Rolling Stones (è suo il “riff” della hit “I Miss You”), Ray Charles, Willie Dixon, Stan Getz, Frank Zappa, Johnny Shines, Bob Dylan oltre ad essere il vincitore di  un “Grammy Award” per il suo “Blues Explosion” (1985); Jaime Scott Dolce, il “guitar hero” di New York, capace di evocare un sound tra le radici del blues del Missisipi e il funk elettrico della Band of Gypsy di Jimi Hendrix; Stanley Watson (batterista di New Orleans) e Latonya Cobin (bassista di Charleston) che insieme fanno una potente sezione ritmica in grado di portare dinamismo e colori tipici della musica del Sud degli States; Anga Persico è il virtuoso violinista che rappresenta l’anello di congiunzione fra il passato e il presente.

Davide Bernasconi – nato a Monza (Mi) l’11/05/1965 – è cresciuto a Mezzegra, nel “cuore” del lago di Como: un posto bellissimo, cantato da poeti e scrittori. Un posto di tradizioni secolari, ma è anche un posto irrimediabilmente stretto per chi guarda ad orizzonti più ampi. Quasi tutte le sue canzoni fanno capo al lago, al suo spirito profondo, ai suoi lati sporchi e puliti, alle sue luci ad alle ombre, ruotando attraverso tutti i paesi rivieraschi… senza mai però perdere d’occhio la Città, che fa sempre parte di tutte le spedizioni, le mitologie, le esagerazioni in generale. La maggior parte dei testi è pensata, scritta e cantata in dialetto tremezzino (o laghée): una lingua più che un dialetto, resa ancor più realistica e forte da storie (e personaggi – spessissimo dei veri outsider) che, anche se scomode, sono assolutamente poetiche. Il suo percorso musicale parte da lontano.

Appuntamento quindi per sabato sera 3 giugno, alle 21.30 al Campo sportivo di Viale Europa a Tradate. Ingresso: 12 euro, grati per i bambini sotto i 12 anni.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 giugno 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore