Amici internazionali nel segno dell’ambiente

Pulizia dei boschi e dei corsi d'acqua e una palizzata nuova di zecca sono i risultati dei ragazzi che hanno partecipato al campo di Legambiente

Si è concluso positivamente il campo internazionale di volontariato organizzato da Legambiente in collaborazione con il comune di Castiglione Olona.
I ragazzi (nella foto) hanno tutti lasciato la scuola di Gornate Superiore, dove hanno alloggiato nelle ultime due settimane. Secondo gli organizzatori quella appena conclusa è stata un’esperienza ben riuscita: «I ragazzi in queste due settimane si sono impegnati e hanno portato a termine il progetto – ha spiegato Valentina Minazzi di Legambiente (nella foto qui sotto) -. Ma l’ottima riuscita del campo non è dovuta unicamente a questo. La comunità castiglionese ci ha accolti bene, anzi, benissimo. Siamo riusciti a conciliare l’attività lavorativa nei boschi e sui sentieri con dei momenti di svago e divertimento organizzati insieme ad associazioni e gruppi che operano nel territorio del parco Rile Tenore Olona, questo è da considerarsi un risultato altrettanto importante»
.

I ragazzi e le ragazze provenienti da tutto il mondo, coordinati da due volontari di Legambiente, hanno speso le loro ore di lavoro sui sentieri del parco Rile Tenore Olona, liberandoli da rovi, alberi caduti e coprendo le buche dovute al passaggio delle motociclette. È stata anche rimpiazzata la rete arancione che proteggeva un passaggio sulla via che collega Caronno Corbellaro con Gornate Superiore. Al posto di quel pezzo di plastica, decisamente poco adatto ad un parco, è stata realizzata una staccionata in legno, un lavoro che a detta degli stessi organizzatori, si porta dentro tutto l’entusiasmo dei ragazzi che la hanno realizzata. Il lavoro in questo caso è stato abbastanza complesso: «Abbiamo iniziato togliendo i vecchi pali e la rete – ha spiegato Pierre, un ragazzo francese che ha partecipato al campo -. La zona era infestata dai rovi, li abbiamo eliminati tutti, sradicando quelli più prossimi alla strada. Abbiamo pulito l’asfalto dalla terra che lo aveva invaso, pulendo anche le canaline di scolo dell’acqua piovana. Poi abbiamo iniziato a piantare i pali, a mano. Non è stato semplice, la terra era dura, ogni tanto si incontravano sassi e, prima d’ora, non avevo mai fatto questo tipo di lavori, ma alla fine, quando ho visto il lavoro completato è stato bellissimo. Quella palizzata la abbiamo fatta noi, con le nostra mani, certo, qualche palo sarà storto, qualche asse non sarà perfettamente livellata, ma è solida e la abbiamo fatta con impegno».

Insomma, l’esperienza del campo internazionale di volontariato è andata alla grande e Legambiente è pronta a riproporla anche per il 2007, magari con il coinvolgimento di tutti gli altri comuni del parco Rile Tenore Olona.
Soddisfatto anche l’assessore all’ambiente Enrico Vizza: «Il campo internazionale proposto e seguito da Legambiente è stata un’esperienza positiva per il parco, non solo per il recupero e la sistemazione dei sentieri, ma anche per lo scambio culturale e la  socializzazione, grazie alla presenza di volontari provenienti da diversi paesi del mondo è un’esperienza che deve essere assolutamente ripetuta».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 luglio 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.