Acqua “salata”? Se ne parla in assemblea

Questa sera, martedì 5 dicembre, alle 21 in Sala consiliare, incontro pubblico sul problema della gestione dell'acquedotto cittadino

Le opposizioni di Venegono Superiore mobilitano i cittadini contro la "svendita" dell’acquedotto a una società di Busto Arsizio decisa dalla giunta Ciantia. Su questo tema questa sera, martedì 5 dicembre alle ore 21 presso la Sala Consiliare del Comune di Venegono Superiore, si terrà un’assemblea pubblica convocata dai tre gruppi di opposizione: Venegono Democratica, Lega per Venegono e Polo per Venegono.

All’assemblea interverranno Antonio Bagnaschi, assessore provincia di Lodi; Emanuele Boscolo, docente universitario e il sindaco di Tradate Stefano Candiani.

La serata sarà introdotta da Francesca Brianza, consigliere della Lega per Venegono, moderata da Bruno Zoccola, consigliere del Polo per Venegono e chiusa da Mario Agostinelli, consigliere regionale e consigliere comunale di Venegono Democratica.

L’iniziativa ha l’obiettivo di informare la cittadinanza sulla decisione dell’amministrazione Ciantia di cedere la gestione dell’acqua di Venegono a una società di Busto Arsizio, sugli svantaggi che questa decisione avrà sui cittadini di Venegono, e sui costi che questa operazione comporterà per tutta la cittadinanza.

I tre relatori illustreranno le esperienze alternative che in altri comuni sono state effettuate. Sul tema della gestione dell’acqua, risorsa critica e sempre più problematica, si sta discutendo in tutta Italia: la decisione della amministrazione Ciantia è la più pericolosa e rischiosa per i venegonesi. In particolare – secondo i consiglieri di opposizione – la convenzione che il Comune di Venegono ha sottoscritto con la Società di Busto Arsizio è una vera e propria convenzione capestro, dalla quale Busto ha molto da guadagnare e i cittadini di Venegono tutto da perdere.

"La convenzione – affermano le opposizioni – stabilisce che la società di Busto avrà utili sempre garantiti e questo significa che se non ci saranno abbastanza soldi, saranno i cittadini di Venegono a rimetterci. Il sindaco – da parte sua, dice che nella società di Busto il comune sarà rappresentato in consiglio di amministrazione e che questo garantirà a Venegono di avere un peso determinante: o il sindaco non sa come funzionano i consigli di amministrazione oppure mente, infatti la società di Busto ha un socio – il Comune di Busto – che detiene il 97% del capitale, mentre il restante 3% è diviso tra un decina di piccoli comuni, tra cui Venegono. Come si può pensare che in una società dove c’è un socio che detiene la quasi totalità del capitale, gli altri possano contare qualche cosa?".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.