Adsl italiana sempre più lenta: colpa degli spyware

In questi giorni centri assistenza in affanno per le proteste degli utenti. Che, forse, dovrebbero stare attenti in prima persona alla sicurezza del loro Pc: ecco come

Internet lento, Adsl che funziona a scatti, velocità che ricordano i "vecchi tempi" del 56k. Purtroppo questa non è una novità per gli utenti italiani, ma sembra che in questa settimana la situazione sia realmente peggiorata. Molti utenti di Telecom ed altre compagnie vanno incontro ad una navigazione poco fluida, in certi casi proprio bloccata. La stessa Telecom ha riconosciuto dei seri problemi, e per questo ha attivato un numero di assistenza tecnica dedicato, il 19122.

Ma a cosa è dovuta questa empasse? Sembra che negli ultimi giorni i computer italiani siano andati incontro ad una epidemia di spyware, cioè di programmi nascosti (o con un aspetto apparentemente innocente) che mentre navighiamo inviano informazioni sulle nostre abitudini spesso a scopo pubblicitario. A parte l’evidente invasione della privacy, questi Spyware hanno altri due effetti collaterali:

1) Raddoppiano il nostro traffico in uscita, perchè oltre alle richieste di dati per la nostra navigazione, contemporaneamente il computer "invia" altre informazioni.

2) Intasano i server DNS.

Il secondo punto merita una spiegazione in più. Ogni volta che navighiamo in internet le nostre richieste di informazioni (come la necessità di raggiungere siti internet, inviare email e tutto quel che si fa con internet) devono passare attraverso un sistema, detto DNS (Domain Name System) che a partire dall’indirizzo che digitiamo ci redirige verso altri computer, raggiungendo gradualmente il computer che "ospita" il sito che ci interessa. Tutto ciò è alla base del funzionamento a rete di internet. Ora, pensate al fatto che il vostro computer, con uno spyware, rivolgerà molte domande in più al DNS, e moltiplicate questo traffico per tutti i computer italiani infetti dai nuovi spyware. Questo significa che, in questi giorni, i DNS di Telecom sono letteralmente intasati dalle richieste degli SpyWare.

Come si risolve il problema? Non è difficile. Per prima cosa, è necessario liberarci dello spyware che rallenta il nostro computer e la nostra connessione. Il problema riguarda esclusivamente gli utenti Windows (Mac e Linux sono praticamente esenti), ma può essere risolto con programmini gratuiti in grado di individuare e cancellare vari tipi di spyware. Uno dei più consigliati è AdAware.

In secondo luogo, in molti consigliano di sostituire i DNS. Telecom consiglia di usare come DNS primario il 212.216.112.112 e come secondario il 212.216.172.62. Per farlo gli utenti Windows devono andare in Start/Impostazioni/Pannello di Controllo e poi entrare in Connessioni di rete. Qui cliccare con il tasto destro sul nome della connessione in uso, poi su Proprietà (dal menu che appare) e, nella nuova finestra, selezionare Protocollo Internet (TCP/IP) e clic su Proprietà.

In alternativa, ai DNS di Telecom è possibile sostituirne di più performanti, come quelli di OpenDNS. Questo sistema non comporta nessuna spesa aggiuntiva, generalmente è più veloce ed è più sicuro. Cambiare il proprio DNS è semplice, qualunque sia il vostro sistema operativo e anche se usate un router. Qui trovate le istruzioni complete offerte proprio da OpenDNS.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.