Airaghi: «Meno assessori per Saronno»

In vista nella nomina del nuovo assessore al commercio, An chiede al sindaco il taglio di due assessori per riequilibrare politicamente la giunta

Portare gli assessori da 10 a 8. È la proposta che avanza il parlamentare Marco Airaghi, come vicepresidente provinciale di Alleanza Nazionale, in vista del prossimo reimpasto di Giunta dell’amministrazione Gilli. Infatti, dopo le dimissioni dell’assessore Scolari, il sindaco di Saronno deve nominare un nuovo assessore che faccia riferimento ad An. Ma Airaghi nelle scorse settimane, vista l’adesione di Gilli a Forza Italia, ha fatto sapere che il proprio partito gradirebbe un rappresentante anche come vicesindaco, carica attualmente ricoperta da Annalisa Renoldi di Forza Italia.

Oggi, invece, la nuova proposta di Airaghi: «Abbiamo analizzato al nostro interno le possibili soluzioni per attuare quanto abbiamo richiesto nella forma più utile alla città – spiega Airaghi -. Mercoledì sera, riunito il consiglio direttivo del ciroclo territoriale di Saronno, alla presenza del presidente provinciale Luca Ferrazzi, abbiamo elaborato una possibile soluzione che formalmente proporremo in sede ufficiale».

La proposta consiste, secondo An, in un riequilibrio «della nostra presenza in Giunta non aggiungendo poltrone od “orpelli”, ma nella direzione esattamente opposta, nell’ottica di una razionalizzazione dell’amministrazione e della riduzione delle spese».

«L’idea ceh sottoponiamo al sindaco – illustra Airaghi -, e che non dubitiamo vedrà la sua soddisfazione, è quella di ridurre il numero degli assessori dagli attuali dieci (unica città della nostra provicia, nemmeno nel capoluogo sono tanto numerosi) a otto: ottenendo così in un sol colpo il rafforzamento della rappresentatività sia dei due rappresentanti di An, sia del rappresentante della neonata Udc saronnese. La riduzione del numero di assessori porterebbe un concreto e immediato beneficio alle casse comunali, liberando risorse da utilizzare per sopperire, almeno in parte, ai dolorosi tagli ai trasferimenti agli enti locali della sciagurata Finanziaria Prodi-Visco».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.