Appuntamento a Cogoleto, per ricordare i bambini bielorussi

Le coppie che attendevano i bambini bielorussi si mobilitano. Tra critiche e rassegnazione si cerca il modo perchè le trattative non si arenino per sempre

I piccoli bambini bielorussi trascorreranno il Natale a casa propria. Il viaggio preparato con cura all’ultimo momento è saltato. Qualcuno era già arrivato all’aeroporto, proveniente da zone dove non era possibile un contatto immediato.

Le trentamila coppie italiane sono rimaste gelate. C’è chi ha affidato alle lettere il proprio stato d’animo, chi ha cercato di dare una giustificazione alla decisione del ministro ( o tutti o nessuno), chi, trincerandosi dietro uno pseudonimo, ha attaccato il Governo, colpevole di aver creato questa penosa situazione.

Dopo l’iniziale sbigottimento, però, il popolo dei volontari di Chernobyl tenta di reagire. Dall’associazione "Voglio Vivere" di Piacenza, affiliata all’organizzazione "Help for Children" di Brescia, è partita una proposta: «Vorremmo organizzare una manifestazione a Cogoleto – spiega la presidentessa Titussi – vorremmo portare un albero di Natale a cui apporre, come addobbi, le foto dei bambini che non verranno da noi. Una manifestazione pacifica ed educata, un invito a riflettere sulla situazione che si è creata. Noi non contestiamo la decisione del Ministro ma i suoi tempi. Non si poteva decidere sin dall’inizio così da non alimentare tante speranze vane?».

L’iniziativa è ancora in fase organizzativa: se le adesioni saranno sufficienti ci si ritroverà il 23 dicembre a Cogoleto. La campagna di sensibilizzazione, invece, proseguirà certamente: da gennaio si tornerà in piazza, magari a Roma per sollecitare l’immediata ripresa delle trattative. I bambini bielorussi devono ritrovare la via italiana la prossima estate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.