Bandiera di Saronno, tra poco l’ufficialità dal presidente Napolitano

Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità la richiesta di concessione al presidente della Repubblica: «Simbolo della “saronnesità”»

La bandiera civica della città di Saronno vuole crescere. Nell’ultimo consiglio comunale infatti è stata approvata la richiesta di riconoscimento ufficiale da parte del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per il simbolo della città nato pochi anni fa. Il punto è stato approvato all’unanimità. «Può sembrare un provvedimento futile – spiega Carlo Mazzola, consigliere comunale di Forza Italia -, qualcuno esclamerà che in città ci sono problemi più urgenti; tuttavia, è un avvenimento ricco di significati. Avere una bandiera ben distinta vuol dire avere non solo un simbolo ma anche uno strumento di identità, di comune riconoscimento di valori, significa valorizzare la nostra comunità e il nostro senso di appartenenza ad essa».

«Potremmo dire che, in un certo senso, gli stemmi araldici di ieri corrispondono agli attuali “loghi”.

Ricordo il primo discorso che fece Gilli appena fu nominato sindaco, nel primo consiglio comunale del luglio 1999. Parlò, per la prima volta, del concetto di “saronnesità”: una caratteristica ben precisa che ha qualificato la città e i cittadini dalle epoche passate fino ai giorni nostri. Una qualità da tutelare e alimentare. Un monito per tutti, specialmente per chi come me ha responsabilità amministrative, per lavorare per il bene comune, per essere coscientemente convinti che quel che facciamo non danneggerà Saronno, ma sarà sempre e solo per la sua tutela, il suo sviluppo e per offrire opportunità anche alle prossime generazioni, affinché anch’esse siano fieri di possedere questa saronnesità. Quella saronnesità che ora trova sublimazione anche in una propria bandiera».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.