Caro Clerici, la Pallacanestro Varese non è la Mv Agusta

Comune e Pallacanestro Varese sono ai ferri corti da tempo, nel tentativo di rinnovare la convenzione per la gestione del palasport di Masnago.

Una situazione paradossale e per certi versi sorprendente: da altre parti si farebbe di tutto per trattenere una realtà che ha dato e dà lustro all’intera città, che genera un interesse e una partecipazione senza eguali grazie a proprietari che hanno speso di tasca propria milioni di euro nel corso degli ultimi anni. A Varese sembra di no.
Ma su questo possiamo anche sorvolare: serve un accordo, ci sono delle norme, facciamole rispettare.

Quello che è inaccettabile è che tra chi vuole fare rispettare queste norme ci sia anche qualcuno desideroso di fare una morale totalmente fuori luogo.
Nel consiglio comunale di ieri sera, il giovane consigliere di An Stefano Clerici ha dichiarato(testuale): «Castiglioni manca di rispetto nei confronti delle istituzioni e delle società minori».
Si è mai chiesto, Clerici, a quando risale l’ultima palestra costruita dal Comune (le istituzioni) per andare incontro alle esigenze delle società minori?
Ha mai assistito Clerici a un incontro di prima divisione o magari delle giovanili alla palestra della “Vidoletti” o su altri campi simili?
Ha mai portato alla ribalta in consiglio tematiche di questo tipo?

E soprattutto, lascia senza parole la frase pronunciata dallo stesso consigliere a un certo punto della seduta. «Vorremmo capire il gioco di questo signor Castiglioni, che prima piange miseria e chiede aiuti sul palasport e dopo va a regalare moto ai campioni miliardari del calcio».
Qualcuno, per favore, spieghi a Clerici che Casti Group (pallacanestro) ed Mv Agusta (moto) non solo sono due realtà ben distinte, ma pure facenti capo a proprietari differenti. Un consigliere comunale, perdipiù della maggioranza che amministra la città, dovrebbe conoscere gli argomenti di cui parla e su cui è chiamato a decidere.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.