Chiuso a chiave in sala d’aspetto, lo “liberano” gli agenti

Disavventura in stazione per un 52enne che attendeva il figlio. In via Foscolo un arresto per resistenza a pubblico ufficiale

Disavventura a lieto fine, ieri sera, per un cittadino marocchino di 52 anni, rimasto chiuso all’interno della stazione delle Ferrovie Nord a Busto Arsizio. L’uomo era all’interno di una sala d’aspetto in attesa del figlio, proveniente in treno da Saronno, e non si è accorto della chiusura della stazione stessa da parte del personale delle Fnm. Per sua fortuna un passante ha notato la richiesta d’aiuto e ha avvisato una volante della Polizia che si è quindi portata sul posto. L’uomo è stato quindi indirizzato verso un’uscita di sicurezza da dove ha potuto lasciare la sua momentanea "prigionia".

Quello alla stazione non è però stato l’unico intervento effettuato dagli agenti del Commissariato di Busto in una giornata piuttosto movimentata e iniziata in tarda mattinata in via Foscolo. Lì, al civico 2, un uomo di origine albanese si era asserragliato in casa minacciando di morte parenti e amici. Sordo alle telefonate l’uomo, alla vista della pattuglia e dei mezzi di vigili del fuoco e 118, si è dato alla fuga attraverso l’uscita della cantina. Una volta in strada gli agenti lo hanno fermato, ma ciò non ha placato la sua furia, tanto che i poliziotti sono stati costretti ad arrestarlo con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Sempre a Busto, gli agenti hanno denunciato un uomo di 33 anni che, nel corso di una banale lite familiare, ha minacciato la sorella 40enne con un coltello. L’uomo è stato rintracciato dalla volante pochi minuti dopo la segnalazione, e infatti nel corso della perquisizione è stato trovato in possesso della lama. Per lui è così scattata la denuncia per minaccia aggravata e porto di oggetto atti ad offendere.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.