Cinquemila bambini alla ricerca dell’autostima

È riservato ai bimbi dai 3 ai sei anni il progetto lanciato dall'Assessorato ai Servizi sociali della Provincia

In questi giorni 4700 bambini tra i 3 e i 6 anni e 270 insegnanti delle scuole materne si stanno confrontando con un tema particolare: l’autostima.

Sono infatti 55 le scuole dell’infanzia che hanno aderito alla seconda edizione del progetto “Stella come te”, promosso dall’Assessorato ai Servizi Sociali della Provincia di Varese, che ha l’obiettivo di offrire ai bambini in questa particolare fase della loro crescita, un’occasione per sviluppare un loro personale modello di autostima, tramite un percorso educativo specificamente dedicato.

Gli insegnanti e le insegnanti delle scuole dell’infanzia, dopo un momento formativo organizzato dalla Provincia, stanno infatti proponendo un insieme di attività (canti, giochi, drammatizzazioni) ispirate da un particolare strumento didattico, il libro “Stella come te. La storia della stella cometa”, una favola per bambini scritta da Alberto Pellai, illustrata da Antonio Ferrara e edita dalla Casa Editrice Padre Monti di Saronno.

La favola, attraverso un percorso narrativo divertente, ha l’obiettivo di potenziare l’autostima dei bambini. Protagonista è infatti una stella che inizialmente fatica ad accettarsi così com’è, ma che scoprirà di essere la protagonista di un evento fondamentale per la storia dell’umanità, dando così all’educatore lo spunto per far capire ai bambini che ciascuno è unico e speciale.

Le illustrazioni del volume inoltre non sono solo un elemento che rende accattivante la narrazione, ma mirano a sviluppare il tema della multietnicità, presentando personaggi di diverse razze, inseriti in differenti contesti ambientali e paesaggistici. Un altro tema che il progetto intende sviluppare è infatti la promozione dell’integrazione, dando agli insegnanti l’occasione per raccontare la storia del Natale in modo rispettoso ed armonioso anche all’interno di classi dove sono presenti bambini appartenenti ad una fede religiosa diversa da quella cristiana.


La valorizzazione della spiritualità naturale dei bambini è infatti il terzo filone su cui si sviluppa il progetto, in quanto la favola fornisce all’educatore lo stimolo per sostenere la tensione e la ricerca nei confronti della spiritualità, da intendersi come risorsa e sostegno nel percorso evolutivo, indipendentemente dal proprio particolare credo religioso.


La validità di questo percorso è testimoniata dal successo dell’edizione dello scorso anno, che ha coinvolto 2.000 bambini e dalle numerose adesioni a questa nuova edizione, che hanno portato la Provincia a raddoppiare l’impegno inizialmente preventivato per consentire al maggior numero possibile di bambini di usufruire di questa possibilità.


Tutti i 4700 piccoli che partecipano al progetto di quest’anno riceveranno infatti in regalo a Natale il libro
su cui stanno lavorando completo della guida didattica, in modo tale che anche le famiglie possano essere coinvolte in questa iniziativa.

Molti genitori avranno inoltre un’occasione particolare per conoscere questa favola: in molte scuole infatti il testo di “Stella come te” verrà utilizzato come “sceneggiatura” per la tradizionale recita di Natale

 

«”Stella come te” si inserisce in un progetto più complessivo, che da tre anni ci vede impegnati, finalizzato alla prevenzione dell’abuso e all’innalzamento della qualità delle relazioni educative, sia all’interno della scuola che in famiglia»  spiega Rienzo Azzi Assessore alle Politiche Sociali della Provincia di Varese. «Potenziare l’autostima in età evolutiva è un obiettivo di prevenzione e promozione della salute che dovrebbe essere garantito ad ogni bambino. È per questo che abbiamo deciso di rispondere al bisogno che ci è stato manifestato dagli insegnanti, mettendo a disposizione maggiori risorse per estendere questa opportunità a numerosi bambini e alle loro famiglie».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.