Continua la mostra su Piero Chiara nella Sala Veratti

Fino al 14 gennaio sarà possibile visitare la mostra dedicata allo scrittore

La mostra è in parte illustrata dal volume Il cammino degli anni e delle lettere. Piero Chiara: carteggio con gli scrittori a cura di Serena Contini. Il volume offre l’edizione commentata dei carteggi fra Chiara e alcuni scrittori (Leonardo Sciascia, Giovanni Comisso, Roberto Gervaso, Davide Lajolo, Giovanni Spadolini, Marino Moretti), conservati nel Fondo Chiara di proprietà del Comune di Varese. Il volume contiene una prefazione di Federico Roncoroni.

Lo scopo principale di questa opera è innanzitutto la valorizzazione e lo studio del Fondo Piero Chiara di proprietà del Comune di Varese, in cui è conservato la copiosissima corrispondenza dello scrittore, oltre alle sue collaborazioni e alla sua biblioteca.Ogni singolo carteggio è stato ricostruito, per gli scrittori considerati nel volume, ma anche per altri, recuperando le lettere inviate da Piero Chiara presso gli archivi letterari dei suoi corrispondenti presenti in Fondazioni, Centri Studi, Biblioteche, archivi privati.

La mostra alla Sala Veratti dedicata a Piero Chiara rimarrà aperta fino al 14 gennaio. Orario d’apertura: da martedì a domenica; 10.30-12.30; 14.30-18.30, ingresso libero. Il percorso ripercorre, utilizzando documenti e libri del Fondo Piero Chiara di proprietà del Comune di Varese, il rapporto tra alcuni importanti scrittori e poeti (ad esempio Leonardo Sciascia, Mario Soldati, Giovanni Spadolini, Andrea Zanzotto, Luciano Erba, Giovanni Arpino, Giovanni Comisso, Carlo Sgorlon, Italo Calvino, Pier Paolo Pasolini) e Piero Chiara, evidenziandone, con questo approccio inedito, la figura di intellettuale e di uomo di lettere. In singole vetrinette, ognuna dedicata ad uno scrittore, sono esposte parte della corrispondenza, prime edizioni, volumi con dediche autografe, fotografie, cimeli, mostrando uno spaccato della storia della letteratura novecentesca. È stata ricostruita anche la scrivania di Piero Chiara, con alcuni suoi oggetti personali conservati nel Fondo Piero Chiara.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.