Dominissini è pronto alla scommessa

Il tecnico friulano, da oggi sulla panchina della Pro Patria, punta tutto sul gioco di squadra e rimanda a gennaio il discorso mercato

È stato presentato nella mattinata di oggi, mercoledì 13, nella sala stampa dello stadio “Speroni” di Busto Loris Dominissini, nuovo allenatore della Pro Patria. Il tecnico ex Como, Spezia e Udinese ha risposto alle domande dei giornalisti sotto lo sguardo attento di Alberto Armiraglio, Riccardo Guffanti e Angelo Carbone, rispettivamente presidente, direttore generale e direttore sportivo della società tigrotta.

 

Dominissini, giunto a Busto dopo una trattativa lampo, ha il compito di risollevare le sorti di una squadra in crisi d’identità: «Penso di poter trasmettere ai ragazzi certezze e fiducia, cercando di restituire loro il piacere di giocare divertendosi. Lavorerò sulle qualità dei ragazzi, e non sui loro difetti». Il neo-tecnico biancoblu si è soffermato molto sull’aspetto tecnico-tattico, anticipando quali saranno le mosse che vedremo sul terreno di gioco da domenica prossima: «Mi aspetto una squadra armonica, che cerchi di non dare profondità agli avversari. Le punte dovranno dare una mano al centrocampo, mentre in difesa saranno necessari i raddoppi».

A chi lo mette in guardia parlandogli di una squadra in ritardo di condizione, Dominissini risponde con diplomazia: «Penso che il momento di difficoltà sia dipeso da tanti fattori, non solo quello fisico, anche perché nelle ultime due partite ho visto una squadra atleticamente a posto. In questo primo mese mi farò un’idea sull’effettivo livello dei miei giocatori, tenendo presente che la rosa a mia disposizione non ha niente da invidiare alle altre». L’allenatore friulano preferisce poi glissare sull’argomento mercato, rimandando la questione alle prossime settimane: «Ho chiesto alla società un periodo di tempo per conoscere i ragazzi: solo a gennaio vedremo se operare in sede di campagna acquisti».

 

Resta l’impressione che un ritocco, soprattutto in difesa, sia necessario per riprendere il cammino interrotto da ormai troppo tempo. L’ultima vittoria della Pro risale all’otto ottobre, quando Temelin e compagni superarono 3-1 la Sangiovannese, poi la striscia negativa di cinque sconfitte e quattro pareggi. Domenica allo “Speroni” arriva la Pro Sesto: i tigrotti, con l’impulso del loro nuovo allenatore, devono tornare alla vittoria per restituire il sorriso ai fedelissimi tifosi biancoblu.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.