Fiaip, un osservatorio sul mercato delle case

Presentata la nuova iniziativa della Federazione italiana degli agenti immobiliari di Varese

Riceviamo e pubblichiamo

Martedi’ 12 dicembre 2006, nella Sala Neoclassica della Provincia di Varese, si è tenuta la Conferenza Stampa di FIAIP – Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali – Collegio provinciale di Varese. Oltre a commentare l’andamento del mercato immobiliare ed a presentare l’Assemblea annuale – che si terrà Mercoledì 13 dicembre, ore 17.30 alle Ville Ponti di Varese – l’occasione è stata propizia per illustrare in anteprima una novità assoluta: si tratta del NUOVO OSSERVATORIO IMMOBILIARE di tutti i  Comuni della Provincia di Varese che verrà presentato domani, alle ore 19, alle Ville Ponti ai sindaci e agli operatori del settore. Erano presenti alla conferenza stampa i consiglieri del direttivo FIAIP – Collegio Provinciale di Varese.

“Fiducia, coraggio, obiettivi”. Non si tratta di uno slogan consumato, ma di un autentico motivo ispiratore alla base della strategia quotidiana di un imprenditore varesino da pochi mesi al vertice di un importante organismo di categoria: è Claudio Piccoli, 43.enne presidente di F.I.A.I.P. – Collegio provinciale di Varese – federazione nata nel 1976 e che raggruppa 170 tra i migliori studi ed agenzie immobiliari della provincia di Varese.

Incontriamo il neopresidente FIAIP alla vigilia della Presentazione ufficiale del Nuovo Osservatorio Immobiliare 2007 – di scena Mercoledì 13 dicembre, alle ore 19, alle Ville Ponti di Varese – : l’opera è stata realizzata grazie alla collaborazione di tutte le 170 agenzie FIAIP del Varesotto, al coordinamento di Stefano Cava e alla realizzazione di Ed. Eureka. Nasce dunque una novità assoluta per il Varesotto, un prezioso strumento di riferimento del “bene Casa”, a disposizione di tutti, cittadini ed  operatori del settore.

“Sì, dopo tanto lavoro sta per giungere il fatidico momento della presentazione – esordisce Claudio Piccoli – : si tratta del Nuovo Osservatorio Immobiliare di tutti i Comuni della provincia di Varese che cittadini ed operatori del settore potranno reperire presso l’agenzia FIAIP di fiducia. Le rilevazioni, realizzate in modo scrupoloso e professionale, sono state affidate all’intero Collegio Provinciale Agenti Immobiliari, composto da 170 iscritti, disseminati sull’intero territorio del Varesotto e grazie  al coordinamento di un nostro responsabile di settore, Stefano Cava. Esprimendo spirito di servizio e competenza nel monitorare il mercato e garantire i prezzi in tutti i Comuni del Varesotto e analizzando le città maggiori, quartiere per quartiere , siamo giunti a stabilire dati reali ed aggiornati in merito al “bene Casa”, agendo con massima trasparenza, presupposto indispensabile per chi svolge la nostra professione, rappresentando il prestigioso marchio FIAIP (1976-2006)”.
“Nel settore immobiliare sono certo che oggi sia fondamentale disporre di uno strumento prezioso che permetta, non solo agli operatori ma anche alle famiglie e alle imprese, di potersi orientare bene: non più solo sulla base del sentore comune o sui pareri spesso non allineati tra loro, ma legati ad un riferimento certo, professionale e frutto di attenti studi e costante monitoraggio del mercato. Appartenere ad un’associazione significa porsi degli obiettivi, raggiungere dei traguardi, inserirsi nel  tessuto sociale con moderni servizi e metodologie di lavoro. FIAIP è questo e molto altro. Personalmente sono orgoglioso di essere il Presidente del collegio provinciale rappresentando una categoria che esprime ogni giorno professionalità e spirito di servizio a beneficio del settore immobiliare e della propria clientela disseminata in tutti i Comuni della provincia di Varese”.

Dopo la presidenza del varesino Alberto Zamberletti – che ha guidato FIAIP Varese per 29 anni – a Claudio Piccoli spetta il compito di proseguire nella linea di continuità in un momento economico non certo facile.
“FIAIP rappresenta un’autorevole realtà che, in Italia, conta su 10.000 tra studi di compravendita, agenzie affittanze, intermediazioni immobiliari e mediatori creditizi, legati al mondo del mattone residenziale e delle unità produttive, commerciali e dei servizi. Ad Alberto Zamberletti, per anni presidente provinciale e dirigente nazionale FIAIP, il nostro ringraziamento per impegno profuso e crescita della categoria. Continuerà a svolgere nel nostro consiglio un ruolo prezioso. Il nostro trend di  crescita ha fatto dell’organizzazione FIAIP Varese un gruppo autorevole che si fa paladino delle agenzie immobiliari di massima serietà e comportamento ispirato ai criteri della più qualificata professionalità ed etica. Da noi gli avventurieri non sono graditi, né tollerati. La nostra “mission” è rendere il miglior servizio alla clientela, rispettando i dettami stabiliti dal “patentino di abilitazione al ruolo di agente immobiliare”, crescendo con criteri di massima trasparenza e fiducia, anche a livello  finanziario e nei rapporti tra cliente e banche. Offriamo momenti di formazione ai nostri soci, con corsi, workshop e convegni, ultimi dei quali svolti a Varese hanno riguardato “argomenti caldi” come antiriciclaggio, recupero dei sottotetti, privacy. Ed ora nasce il nuovo Osservatorio Immobiliare FIAIP 2007”.

Uno sguardo al patrimonio abitativo e di edilizia produttiva del Varesotto. Quale il suo auspicio?
“Innanzitutto riporterei Varese, la mia città e il capoluogo della provincia, il più possibile vicino all’immagine e allo splendore d’un tempo, a quella “Città Giardino” d’antica memoria. Per fare questo potenzierei le infrastrutture, collegherei finalmente Varese a Malpensa, realizzerei la tangenziale cittadina, la Pedemontana, con linee ferroviarie più efficienti tra Luino, Varese e Milano, unificando le stazioni, creando nuovi posti auto a Varese, Busto Arsizio e Gallarate. Non è più concesso di  trascurare le risorse turistiche del Varesotto: insieme dobbiamo valorizzare tesori paesaggistici, laghi, dimore storiche, ville sedi di poli artistici e l’hub di Malpensa, fulcro tra la Svizzera e la Grande Milano. Attenti poi alle edificazioni selvagge: dobbiamo impegnarci in modo corale nel curare molto di più i restauri conservativi. E’ solo un piccolo esempio, ma ciò che è successo a Brinzio e nel Parco del Campo dei Fiori è sbagliato: troppi permessi di costruzione di unità moderne avulse dal  contesto del piccolo borgo prealpino. Qui si tratta di sensibilità degli enti locali. FIAIP è disponibile a dialogare con tutti i Comuni ed esprimere pareri tecnici, legati al mercato e a tutela del patrimonio urbanistico”.

Da poche settimane FIAIP – Collegio Provinciale di Varese ha aperto i propri ranghi direttivi ai mediatori creditizi: nel consiglio figura un noto consulente finanziario, Andrea Badoglio. Quale il significato della scelta?
“E’ stato un atto ponderato, dopo un’attenta lettura della realtà nostra e del mercato. Oggi chi acquista in contanti un capannone artigianale o una villetta bifamiliare? Pochissimi, quasi mosche bianche. Così, giacché una buona percentuale dei nostri 170 associati sono anche mediatori creditizi, abbiamo avuto la sensibilità di farli rappresentare da uno autorevole tra loro, Andrea Badoglio del Gruppo Interfidi, leader tra le cooperative di garanzia della provincia di Varese. Oggi nel Varesotto sono una  cinquantina i mediatori creditizi regolarmente iscritti all’Albo dell’Ufficio Italiano Cambi di Roma. Siamo certi che, visto l’impegno e la professionalità del personaggio, la presenza in seno alla FIAIP del varesino Andrea Badoglio possa aprirci nuove strade, schiudere nuove esperienze a beneficio d ella clientela, vivendo da anni con professionalità il ruolo collante e di cerniera tra le banche protagoniste nel settore del credito e il pianeta aziende/professionisti/mondo del lavoro”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.