Frera, Fiat, Bianchi, Pirelli: in mostra “I cantori della velocità”

La biblitoeca ospita per due mesi i manifesti originali della vecchia fabbrica di motociclette, prestati dal nipote dell’autore, Franco Codognato

Quando la velocità è statica. I manifesti originali della vecchia fabbrica di motociclette Frera sono esposti da sabato 16 dicembre nella sala esposizioni della biblitoeca. Biblioteca sorta proprio nella vecchia fabbrica che dava lavoro a oltre mille persone agli inizi del ‘900, quando l’arte ha visto la nascita del futurismo, dell’esaltazione della velocità. E i manifesti esposti in biblioteca rispecchiano proprio questa sensazione, questa continua voglia di correre veloce, sempre più veloce. Tanto che la mostra, che sarà inaugurata sabato alle 18 in biblioteca a Tradate, è stata intitolata proprio “I cantori della velocità”.

Galleria fotografica

Mostra "I cantori della velocità" 4 di 12

L’amministrazione comunale, con il contributo di Eurofuels, ha allestito la mostra entrando in contatto con Aldo Codognato, nipote diretto di Plinio Codognato, autore di quei manifesti che sono delle vere e proprie opere d’arte e definito negli anni ’40, per la sua tecnica, proprio “il cantore della velocità”. Codognato ha messo a disposizione le immagini esposte alla mostra, facendo una selezione tra gli oltre 500 manifesti realizzati dal nonno e dal padre, Franco, che ha proseguito l’opera di Plinio dopo la sua morte, avvenuta nel ’45.

«Oggi io mi occupo di altro, realizzo modellini di fari – spiega Aldo, che ha conosciuto il sindaco Stefano Candiani durante la mostra di ex libris, recentemente realizzata a Tradate -. Ci siamo incontrati e abbiamo subito pensato di realizzare qualcosa insieme».

I manifesti esposti non riguardano solo quelli realizzati da Franco e Plinio Codognato per la Frera, ma gran parte dell’opera realizzata dai due autori nel mondo pubblicitario che ha attraversato il secolo scorso: Fiat, Pirelli, Bianchi, Aeronautica, Cinzano, e molto altro ancora. «Opere di varie dimensioni che sono state gli albori della grafica pubblicitaria, senza computer, senza fotografie, niente immagini digitalizzate – spiega soddisfatto il sindaco Stefano Candiani -. Solo la pittura e lo straordinario talento di Codognato hanno reso grandi le opere che abbiamo il piacere di ospitare nella nostra biblioteca».
La mostra rimarrà aperta per due mesi, fino al prossimo 16 febbraio. Per l’occasione è stato anche realizzato un bellissimo catalogo a colori con tutte le opere esposte, una serie di cartoline e un annullo postale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 dicembre 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Mostra "I cantori della velocità" 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.