Il Palazzetto di via Gabardi diventa PalaYamamaY

Presentato in mattinata in Municipio un importante accordo fra Agesp Holding, Futura Volley e lo sponsor: «Un rapporto destinato a durare anni»

Lo si è voluto con determinazione, ed eccoci: il Palazzetto dello sport di viale Gabardi da oggi potrà prendere la denominazione di PalaYamamaY, che si affiancherà alla dedica preesistenti a Maria Piantanida, pioniera dello sport. Non siamo di fronte ad un semplice cambio di etichette, bensì ad un importante accordo strategico fra Futura Volley Busto Arsizio, Inticom S.p.A (società titolare del marchio Yamamay) e Agesp Holding S.p.A., azienda municipalizzata. La "consacrazione" di questo "matrimonio a tre" è avvenuta questa mattina in sala Giunta, presenti il sindaco Gigi Farioli, l’assessore allo sport e grandi eventi Ivo Azzimonti, il presidente della squadra bustocca Michele Forte e l’amministratore delegato di Inticom, Francesco Pinto.

La sostanza: Futura Volley e Agesp Holding S.p.a. hanno sottoscritto un accordo della durata di tre anni per l’uso del palazzetto dello sport di viale Gabardi nell’ambito delle attività sportive della “Yamamay Busto Arsizio” che partecipa con la prima squadra alla serie A2 di pallavolo femminile. La durata del contratto testimonia le intenzioni più che costruttive delle parti contraenti. Su questa base di rapporti consolidati  Inticom e Agesp Holding hanno quindi concluso l’accordo sulla ri-denominazione dell’impianto sportivo che, a partire dal prossimo primo gennaio 2007, sarà “PalaYamamaY – Maria Piantanida”.

Soddisfazione è stata espressa dalla società titolare del marchio YamamaY: «Per noi è un riconoscimento importante al territorio in cui siamo nati e ci siamo affermati come azienda. La collaborazione con il Comune di Busto è stata intensa e proficua» ha commentato Pinto. La definizione delle relazioni con l’ente gestore della struttura, e dell’uso della medesima, permetteranno alla squadra, poi, di pianificare nel modo migliore la propria attività, che già ha dato significativi risultati in campionato. A questo punto, l’auspicio della Futura Volley e dello sponsor è quello di vedere un pubblico sempre più numeroso al “Palayamamay – Maria Piantanida”. «Il nostro progetto mira a portare la pallavolo femminile bustese ai massimi livelli, in A1; e da oggi, i presupposti ci sono tutti, tanto più che anche il rapporto con lo sponsor ha una prospettiva almeno di medio termine: anni, non mesi»: così il presidente Forte. 

Per Agesp è il presidente Franco Castiglioni a ripercorrere la strada che ha condotto la società ad agire da «braccio operativo» di Palazzo Gilardoni e della sua volontà di rilanciare un impianto afflitto da vari problemi che ora si stanno affrontando, uno per uno. «Una collaborazione di questo livello non trova molti esempi simili. Prosegue il nostro impegno a fianco di Futura Volley, ma senza dimenticare i rapporti solidi e confermati con l’ASSB (l’Associazione società sportive bustesi, ndr). Per quanto ci riguarda, continueremo a lavorare per adeguare la struttura, sempre con un occhio attento ai bilanci». E se per l’assessore Azzimonti è stato decisivo l’entusiasta attivismo del presidente Forte, per il sindaco Farioli, fresco della benedizione natalizia di monsignor Livetti, e dunque in stato di grazia, «nessuno potrà più chiamare "palestrone" il palazzetto come avvenuto in passato».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.