Il ritardo sulle elezioni delle R.s.u. penalizza i lavoratori

Nota a cura della Segreteria Regionale - Coordinamenti Territoriali Lin/Mxp F.L.A.I. Trasporti e Servizi

Riceviamo e pubblichiamo 

La costituzione delle R.S.U., Rappresentanze Sindacali Unitarie, elette direttamente dai lavoratori, sta subendo un immotivato ritardo per responsabilità d’alcune sigle Confederali, in particolare di C.I.S.L. e U.I.L che hanno disertato le riunioni per discutere nel merito le modalità organizzative.

Queste sigle sindacali hanno infatti, continuato a rinviarle con l’unico scopo di mantenere i loro assurdi e inconcepibili privilegi. E’ paradossale che l’Azienda conceda circa 60.000 ore di permessi e distacchi sindacali retribuiti, pari a circa 35 unità produttive e a 1.500.000 euro annui di costi, nonostante vi sia l’urgenza di recuperare produttività ed efficienza economica, sia nella S.E.A. Handling sia nella S.E.A. S.p.a. 

Siamo di fronte ad una vera e propria questione morale che sta creando danni ai lavoratori e all’Azienda stessa che, con gran miopia, si permette uno spreco di risorse così scandaloso pur di evitare un vero confronto dialettico sindacale, indispensabile, invece, a creare innovazione organizzativa e crescita di produttività. 

La F.L.A.I. ha denunciato più volte le anomalie dei permessi sindacali e gli abusi nella gestione dei C.r.a.l. di Linate e Malpensa e continuerà a farlo non per demagogia, ma per coscienza democratica, per sollecitare quella parte sana del Sindacato a prendere le dovute distanze da un sindacalismo che usufruisce totalmente in termini gestionali e organizzativi delle risorse aziendali.

La S.E.A. oggi, in un mercato non più in regime di monopolio deve dimostrare responsabilità e coerenza, per raggiungere un vero e tangibile recupero economico, anche sollecitando il sindacato a razionalizzarsi. 

La F.L.A.I. ha contribuito, con altre sigle sindacali autonome, a creare più pluralismo, modificando la composizione sindacale nel contesto aeroportuale, esprimendo una critica costruttiva sulle problematiche sindacali, senza reticenze, attraverso un’organizzazione che, come altre organizzazioni sindacali autonome, vive grazie solo ed esclusivamente alla volontà dei suoi associati, ed è per queste ragioni che non sarà mai connivente con un sistema sindacale rassegnato alla sopravvivenza di se stesso, azzoppato, impotente e dipendente dall’azienda.  

Le R.S.U., oltre ad essere più snelle, meno onerose in termini di costi per l’Azienda, pluraliste e più rispondenti, per rappresentatività, alla reale composizione sindacale dei lavoratori, sono in grado di affrontare i difficili problemi dell’Handling e della S.E.A. S.p.a. con un nuovo metodo, sicuramente non distante, come oggi accade, dai bisogni e dalle esigenze dei lavoratori attuando una politica bilanciata di reddito per i lavoratori, tra le attività del gestore e quelle dell’handling. 

La F.L.A.I. si sta impegnando in collaborazione con altre organizzazioni sindacali per la costituzione delle R.S.U., non per sedersi su qualche poltrona, ma perché intende operare e riconoscere strutture sindacali unitarie elettive, con grande impegno e responsabilità.

La F.L.A.I. vuole, assieme ai lavoratori e alla parte sana del Sindacato, costruire nuovi progetti di riorganizzazione del lavoro e di sviluppo aziendale, senza tagli, terziarizzazioni indiscriminate e precarizzazioni, per garantire ai lavoratori i loro diritti e un futuro lavorativo stabile e sicuro. 

Invitiamo tutti i lavoratori a vigilare e a mobilitarsi, insieme alla F.L.A.I., da subito per realizzare le R.S.U. senza aspettare i tempi indefiniti e le alchimie di coloro che le stanno, di fatto, ostacolando, solo per difendere i loro meschini interessi.

Informiamo inoltre che tutti gli attivisti della F.L.A.I. sono presenti quotidianamente sul campo per diffondere informazioni, sia sui temi Sindacali, che sugli sviluppi legati al percorso per raggiungere le R.S.U.

Segreteria Regionale  - Coordinamenti Territoriali Lin/Mxp

F.L.A.I. Trasporti e Servizi

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.