Imprese di pulizie unite, nasce il Consorzio Prealpino Servizi

Il consorzio è stato formalmente costituito nell’ambito del sistema CNA Varese

Qualche giorno fa è stato formalmente costituito, nell’ambito del sistema C.N.A. della Provincia di Varese, il Consorzio Prealpino Servizi, primo Consorzio varesino di imprese operanti nel settore della pulizia. Sei imprese strutturate e complementari, una capacità di servizio garantita da 130 unità lavorative, altre tre imprese che hanno chiesto di farne parte, l’esigenza di crescere insieme salvaguardando i tratti distintivi della flessibilità e della duttilità connaturate alla loro dimensione aziendale sono le travi portanti di una scelta di aggregazione che giunge al termine di un lungo percorso di comune conoscenza e di puntuale analisi del mercato e delle sue prospettive.

«La nostra – ha affermato l’appena nominato Presidente del C.P.S. – Consorzio Prealpino Servizi, Vincenzo Santolo – è una decisione che rientra in una precisa strategia di crescita, delle singole imprese oltre che del Consorzio, con l’obiettivo e l’ambizione di poter competere in gare di appalto di fascia superiore rispetto a quelle che fino ad ieri potevamo frequentare, per poter affrontare e possibilmente volgere in positivo le minacce e le prospettive derivanti dall’incremento dell’incidenza di CONSIP nelle acquisizioni dei servizi da parte della Pubblica Amministrazione, per affermare su un territorio come quello varesino – che è fin troppo facile terra di conquista per imprese che vengono da altre località – la nostra capacità di lavoro e la nostra qualità. E’ un obiettivo ambizioso, che riteniamo di poter raggiungere procedendo con gradualità e con impegno».

Ovviamente orientato al positivo il commento di Gianni Mazzoleni, Segretario provinciale della CNA varesina e di Giacomo Moretti, il funzionario che ha pazientemente tessuto la tela dell’aggregazione.

«Un anno di lavoro e tante riunioni, ma ne valeva la pena. Noi crediamo ancora nella formula del Consorzio di imprese come naturale strumento di potenziamento e di sviluppo delle qualità e delle competenze di singole aziende, soprattutto se piccole – commenta Moretti – Altre forme di aggregazione d’impresa, anche se più agili e meno dispendiose sotto l’aspetto dell’impegno, finiscono per dimostrarsi sterili rispetto alle opportunità di crescita delle aziende partecipanti».

«Quello che ci ha pungolati, in questi mesi di lavori di avvicinamento al Consorzio, è stata la volontà ribadita dalle imprese partecipanti di voler privilegiare l’ambito Provinciale, anche in prospettiva di opportunità di lavoro molto particolari quali potrebbero essere quelli derivanti dai Mondiali di ciclismo del 2008 – ha sottolineato Mazzoleni – Ci è parsa una scelta coerente e coraggiosa nello stesso tempo, che come Associazione cercheremo in tutti i modi di sostenere e che intendiamo segnalare agli Enti locali della Provincia».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.