L'”orecchio bionico” porta Varese nel gotha mondiale

Nuovi successi per l'audiovestibologia del Circolo, annoverata nelle statistiche mondiali tra i migliori centri. Fino ad oggi realizzati 552 interventi

È il terzo al mondo per impegno , dopo un medico cinese e un australiano, e la sua equipe è la settima in Europa preceduta da centri quali Hannover, Zurigo, Friburgo, Manchester, Stoccolma e Nottingham.
Sandro Burdo, alla guida dell’unità di audiovestibologia dell’ospedale di Circolo, è ormai conosciuto e apprezzato per la qualità dei suoi interventi: nel corso di questi anni ha impiantato 552 orecchi bionici a pazienti di ogni età , sin dai primi mesi di vita: «Nonostante i timori e i pregiudizi – afferma il dottor Burdo – gli impianti cocleari hanno una percentuale bassissima di problemi: la nostra percentuale di rotture è dello 0,4% contro una media dell’1,4% italiana e l’1,3% europea».

Di recente, il dottor Burdo ha compiuto un "vero miracolo" restituendo totalmente l’udito, anche con prestazioni superiori alla norma, ad una ragazza: «Si trattava di un paziente particolare, con caratteristiche ottimali per impiantare questo nuovissimo modello di impianto cocleare».

All’ospedale di Circolo, la sede, sostenuta dalla Fondazione Audiologica Varese onlus, è sempre molto affollata: molti i passeggini parcheggiati all’ingresso, mentre all’interno i bambini sono impegnati con giochi di ogni tipo: «Da quest’anno – spiega Sandro Burdo – la Regione Lombardia sostiene il costo di entrambi gli impianti. Di solito, ne viene riconosciuto uno solo».

Nonostante gli importanti traguardi, rimangono alcuni punti oscuri, come la legislazione nel settore: «Mancano le linee guida che regolamenti il campo medico. In Italia c’è stata una proliferazione di centri ma sono pochissimi quelli veramente specializzati: la maggior parte esegue meno di cinque interventi all’anno ( A Varese gli impianti sono circa 80 all’anno) . Più si lavora, però, migliore è la qualità dell’intervento. La normativa, comunque, è pronta ed è solo questione di giorni per la sua promulgazione».

Settimana scorsa si è svolto al teatro Apollonio di Varese lo spettacolo di Natale organizzato dai Lions Club Varese 7 Laghi in favore della Fondazione: oltre 800 persone hanno assistito all’esibizione della Lady Orchestra di Sofia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.