La Lega: «Irresponsabile il comportamento del sindaco»

Critico il Carroccio in merito alla condotta del primo cittadino nella gestione dei tempi del consiglio comunale

Riceviamo e pubblichiamo

Il 20 dicembre ha rappresentato una delle serate più nere dell’amministrazione Ciantia.
Nonostante il consiglio comunale prevedesse all’ ordine del giorno due importantissimi temi quali la gestione dell’acquedotto e i finanziamenti per la scuola, il sindaco ha deciso di convocare la seduta a partire dalle ore 22. La Lega Nord giudica tale comportamento irresponsabile, tanto più che la discussione sul futuro dell’acqua venegonese è iniziata solo alle 23.30.
Affrontando l’argomento riguardante il piano diritto allo studio, l’opposizione ha chiesto a gran voce l’annullamento della delibera di consiglio che  prevede di dilazionare i finanziamenti per le scuole elementari e medie in tre differenti momenti. Questo approccio infatti non permette un’adeguata programmazione delle attività didattiche sin dall’inizio dell’anno scolastico. Come d’abitudine, il sindaco Ciantia e la sua amministrazione sono rimasti sordi ai ragionevoli propositi dell’opposizione.
L’atmosfera, già rovente, si è scaldata nel momento in cui si è passati alla discussione della mozione, presentata dall’opposizione, in cui si chiedeva l’annullamento della delibera circa la gestione dell’acquedotto comunale da parte dell’Agesp di Busto Arsizio.
La giunta, priva di valide argomentazioni, ha dovuto innestare un’incredibile retromarcia!
Il Sindaco, intimorita dalla possibilità che la mozione venisse approvata, ha deciso di rinviare la discussione sull’argomento. Unica giustificazione: “ci sono novità dalla Provincia da verificare!”. Lasciamo al lettore il piacere di commentare queste parole. Il comportamento irresponsabile del Sindaco, incurante delle argomentazioni esposte dall’intera opposizione, ha portato alla votazione del rinvio. Risultato: la discussione avverrà al prossimo consiglio comunale, convocato per il 12 Gennaio, quando non ci sarà più tempo per discutere a fondo questo argomento.
Ridicola inoltre la proposta del sindaco di organizzare incontri sul tema acqua, quando, con un comportamento inqualificabile, non si è presentata all’unica assemblea pubblica sulla gestione dell’acquedotto organizzata dalle opposizioni il 5 dicembre.
Anche l’altra sera molti venegonesi hanno potuto assistere, almeno gratuitamente, al solito teatrino della nostra amministrazione: il sindaco, come da routine, si auto-elegge a portavoce dell’intera maggioranza e opera solo scelte personali, come se la sua amministrazione fosse fatta di fantocci, sempre pronti ad alzare la mano alla prima bacchettata della maestra.
La Lega Nord per Venegono e i Giovani Padani ritengono non responsabile questo comportamento dell’amministrazione e, motivati, sono pronti a dare battaglia in consiglio e sul territorio venegonese, facendo valere le proprie ragioni.

Lega Nord per Venegono

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.