La rincorsa della Whirlpool si ferma nelle Marche

Montegranaro-Varese 90-79. Un black out nel secondo periodo complica la vita ai biancorossi che rimontano ma non riescono a spuntarla nel finale. Carter (21) il migliore

Varese cade in casa di Montagranaro e spreca una ghiotta occasione per agganciarsi al gruppetto di testa formato da cinque formazioni. Peccato perché a Porto San Giorgio la Whirlpool ha perso un match che sarebbe potuto finire in modo diverso con un pizzico in più di attenzione ai piccoli particolari: quelli che fuori casa devono essere tutti messi a posto per riuscire nell’impresa. E così nel momento migliore per i biancorossi, risaliti da -12, pesano come macigni i rimbalzi concessi a Slay o le triple facili lasciate a Vitali e Canavesi. Dalle Marche, oltre a ciò, si torna anche con alcune note positive, quelle che appunto hanno permesso di raddrizzare un match che pareva segnato. Ma il punteggio finale, ancora una volta, è ciò che conta di più: se il 90-79 non è reale (la Premiata ha affondato i colpi a partita chiusa), è comunque un’altra battuta d’arresto per una squadra che si dimostra ancora adolescente.

COLPO D’OCCHIO – Tribune piuttosto piene al Palasavelli di Porto San Giorgio dove va in scena la prima assoluta tra Montegranaro e Varese. Lo ricorda anche lo speaker che, in modo cavalleresco, snocciola la lunga lista di successi biancorossi in campo nazionale e internazionale guadagnandosi anche gli applausi dei trenta tifosi giunti dalla Città Giardino.

PALLA A DUE – La Whirlpool è al completo dopo il rientro di Keys, anche se il titolare per oggi è ancora Capin. In panchina anche Galanda che non ha più febbre ma soffre per il mal di schiena. Pillastrini di affida i suoi stranieri affiancati ad Amoroso ma ha a disposizione in panca Matteo Canavesi, varesino di Gallarate.

LA PARTITA Inizio a tutto gas per le due contendenti, con Carter e Amoroso grandi protagonisti e autori di 7 punti ciascuno in 5’. Dopo la metà del quarto si accende Holland ma è ancora Amoroso a chiudere il piccolo parziale biancorosso. Magnano toglie Fernandez, colpevole della marcatura sul lungo italiano, e inserisce Galanda: il raddoppio immediato su di lui causa il 23-19 gialloblù (Nikagbatse) che diventa 23-21 alla sirena.
Tocca a un Carter eccelso reagire con 7 punti in fila, poi Varese va 28-31 con Galanda: sarà l’ultimo vantaggio. Sul parquet si rivede Keys, che pasticcia in lunetta consentendo un nuovo sorpasso proprio di Canavesi. La Premiata, brava a raddoppiare sui lunghi ospiti, vola in transizione con tre triple di Maresca e Thomas (2) al massimo vantaggio (44-36). Tocca a De Pol rompere il digiuno, ma Childress sulla sirena è sveglio a infilare il 48-40.

Al rientro Carter e Capin colpiscono da lontano ma Montegranaro argina l’onda e con Nikagbatse e Thomas scappa +12 Il timeout di Magnano porta ossigeno e un 10-0 nato soprattutto dai meccanismi difensivi che ora funzionano. Ancora una volta però un passaggio errato (Fernandez) rinvia l’aggancio. Negli ultimi 30” due ottime difese e una tripla di Hafnar aggiustano il punteggio sul 62-61 per i gialli.

IL FINALE – Vitali accende il PalaSavelli con una tripla dall’angolo ma Galanda prima accorcia e poi impatta sul 65-65. E’ Slay l’uomo chiave con 6 punti pesanti, anche aiutato dai rimpalli sotto canestro. Fernandez di spada e Galanda di fioretto segnano il 73-70 ma una dormita collettiva regala a Canavesi la comoda tripla del nuovo +6. Magnano per gli ultimi 4’30” manda sul parquet il quintetto titolare dopo che Hafnar e Capin hanno fallito due tiri importanti. A 3’ dal termine Howell imbecca Galanda per il -4 ma Slay svetta ancora a centro area andando a conquistare un rimbalzo d’oro e andando a depositare il +7 dopo l’unico errore blu di Carter. La guardia e Childress non sbagliano dalla lunetta, poi Capin getta in parterre l’ultimo pallone utile per provare la rimonta disperata. Finisce 90-79 con Varese che crolla oltre il dovuto nel minuto finale.

IL PROTAGONISTA Avremmo scelto volentieri l’ottimo Keith Carter di questa sera, ma la palma del migliore va di diritto a Ronny Slay. Nel momento migliore di Varese è il lungo americano a girare la partita, convertendo in oro palloni raccattati dalla tonnara di centro area. Le sue cifre parlano da sole: 22 punti, 13 rimbalzi e percorso netto ai liberi.
.

Premiata Montegranaro – Whirlpool Varese 90-79 (23-21, 48-40; 62-61)
Montegranaro: Childress 7, Slay 22, Spippoli ne, Nikagbatse 12, Maresca 6, Vitali 3, Thomas 16, Demartini ne, Amoroso 16, Spizzichini ne, Steffel ne, Canavesi 8. All. Pillastrini.
Varese: Capin 5, Hafnar 3, Howell 3, Holland 13, De Pol 2, Galanda 17, Keys 5, Carter 21, Fernandez 10, Genovese ne, Antonelli ne, Gergati ne. All Magnano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.