Palazzo Estense deve vigilare su coloro che governano la sanità

Questa sera il consiglio comunale si occuperà della logistica ospedaliera. E’ un grande passo avanti rispetto al passato, ma sarebbe opportuno che non venga mai meno l’attenzione della politica anche al profilo dei servizi sanitari offerti alla comunità.
Di recente abbiano segnalato le possibili difficoltà, a causa della mancanza di personale medico, di un reparto strategico come la neuroradiologia, oggi è nostro dovere riferire del depotenziamento di un’altra unità operativa di alto impatto come l’emodinamica, dove gli specialisti intervenendo rapidamente per via endoscopica limitano i danni da infarto e di altre patologie cardiache. E restituiscono a una vita spesso normale numerosissimi pazienti.

Emodinamica ha una grande storia a Varese, grazie al suo “papà”, il professor Binaghi, e ad altri valenti medici guidati dal dottor Repetto. Ma da due unità si è scesi a una e quando questa chiude per la manutenzione i pazienti vengono dirottati in altri ospedali. Non basta: sulla carta ci sarebbe sempre una sola emodinamica anche nel nuovo padiglione, con possibilità di una seconda sala in altra sede.
Se le cose stanno così significa che la razionalità non sempre è di casa dove si dovrebbe progettare il meglio per la salute dei cittadini. Il nostro territorio, la nostra comunità in un ospedale di livello e rinnovato come il Circolo non possono rinunciare al grande servizio offerto già in passato da due emodinamiche. Che devono formare un unico centro, lavorare in coppia e 365 giorni all’anno.
La logica della lima, del risparmio, su servizi come questi è assolutamente inaccettabile. Anche Palazzo Estense vigili.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.