Pedemontana sì, ma pubblica

La senatrice Pellegatta tra i firmatari un emendamento che affida il 51 % della società che dovrà realizzare l'opera all'Anas Spa

Presentato in Senato dal Gruppo Insieme con l’Unione Verdi Comunisti Italiani, con firma anche della senatrice Maria Pellegatta (foto), un emendamento sulla Pedemontana. Con il voto favorevole dell’Unione la Camera aveva  approvato la legge finanziaria che all’art.18 comma 545 contiene l’impegno finanziario per la Pedemontana e la Brebemi: 10 milioni di euro nel 2007, 30 nel 2008, 40 nel 2009. Al Senato è stato presentato un emendamento aggiuntivo per rendere piu’ efficiente l’intervento e di avere il coinvolgimento pieno degli enti locali.
«Un contributo che riteniamo costruttivo – dice la Pellegatta – e che come tale è stato apprezzato. Peraltro riteniamo che le competenze per le grandi infrastrutture vadano ricondotte per loro stessa natura, e come avviene in tutti i Paesi moderni, alla responsabilità dello Stato. Riteniamo inoltre che le opere stradali vadano accompagnate da un impegno indifferibile, e contenuto nella finanziaria, per dare impulso al trasporto su ferro e per ammodernare le linee per lavoratori e studenti pendolari».
«
Spetterà comunque al Ministro delle Infrastrutture Di Pietro, come peralro è già avvenuto, proporre le soluzioni tecniche piu’ idonee in rapporto alle esigenze del nostro territorio e delle sue istanze democratiche.Sorprende la petulanza in materia della Giunta regionale di Centrodestra che continua ad attaccare l’Unione o ad accusare la nostra componente politica; fino ad ora le competenze in materia di infrastrutture e di valutazione ambientale strategica, per esempio su Malpensa, fanno capo alla Regione che purtroppo è inadempiente».

IL TESTO DELL’EMENDAMENTO

 

«Il completamento della realizzazione delle opere infrastrutturali della Pedemontana Lombarda, dell’autostrada Brescia-Bergamo-Milano, delle Tangenziali esterne di Milano puo` avvenire anche attraverso l’affidamento della concessione di progettazione, realizzazione e gestione da parte di ANAS spa ad un organismo di diritto pubblico, costituito in forma societaria e partecipato dalla stessa ANAS Spa, per una quota non inferiore al 51% del capitale sociale, dalla regione Lombardia ed eventualmente anche dagli Enti locali interessati dal tracciato. Con atto convenzionale e` disciplinato il subentro dei rapporti attivi e passivi inerenti la realizzazione delle predette opere infrastrutturali. Ai costi relativi al subentro, in relazione alle spese effettivamente sostenute, si provvede a valere sulle risorse di cui al comma 543 precedente»

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.