Per la salvaguardia di Piazza Risorgimento

Il Polo Civico di Centro chiede chiarezza sul progetto urbanistico presentato dal Comune

Riceviamo e pubblichiamo 

Il progetto definitivo presentato in Commissione Lavori Pubblici risulta essere una "affascinante opera urbanistica" per la maggioranza che amministra Gallarate , ma effettivamente è un progetto "inadeguato e pregiudizievole "  delle istanze dei commercianti e degli abitanti della zona , oltre che  " incompleto e parziale" rispetto alle esigenze di tutta la citta’ di Gallarate.

Per quanto riguarda il commercio locale e  la popolazione residente,  il progetto evidenzia :

una chiara carenza di parcheggi,

una drastica diminuzione del verde pubblico a disposizione dei cittadini . Infatti, prima erano 3200 metri quadrati di superfici verdi dislocate in due aree attrezzate a "parco" . L’attuale progetto indica  circa 4000  metri quadrati  di zona verde , di cui  poco piu’ di 2000 metri quadrati effettivamente a disposizione dell’utenza con l’individuazione  di una  sola area  quale   "giardino pubblico"  ( l’altra è inutilizzabile perche’ è impiegata per la rotatoria),

la inadatta collocazione dell’ Area Mercato di fronte all’Agenzia delle Entrate e ad un Esercizio Commerciale , che necessitano di parcheggi e di sicurezza ,

uno sterile trasferimento del "Monumento ai Caduti", che sarà posizionato di fronte all’Hotel Astoria , dopo un costoso smontaggio

una incoerente viabilita’ a forte scorrimento , così da aumentare le problematiche acustiche e di sicurezza viaria.

Per quanta riguarda il "sistema viario" e i  "bisogni primari" della Citta’ , il progetto palesa "contraddizioni e avventatezza" dovute a :

un costo totale dei lavori di 2,5 milioni di euro , troppo eccessivo rispetto alle esigenze primarie in cui oggi versa la Citta’ di Gallarate : carenza di immobili in edilizia popolare, bonus economici per le nuove poverta’  sociali , interventi sulla sicurezza , manutenzione degli immobili scolastici ,

creazione di una viabilita’ ideata per una velocizzazione dei flussi ( "simile ad uno svincolo autostradale"), senza avere  considerato  una revisione del traffico di tutta la Citta’ o  meglio , un adeguato ed idoneo "Piano Urbano del Traffico"  complessivo,

insensibilita’ alla storia urbanistica ed architettonica di Piazza Risorgimento e della Chiesa di S. Francesco ,

inesatta valutazione della viabilita’ di collegamento verso Viale Milano , in quanto rimarrebbe l’impianto semaforico all’incrocio di Via Venegoni\ViaBorghi\Via XX Settembre , così da creare un improvviso rallentamento o fermo viabilistico per chi scorre  verso piazza San Lorenzo ,

mancata determinazione di un "Piano dei Mercati Rionali Cittadino", laddove venisse ipotizzato un ulteriore spostamento della suddetta Area  Mercato di Piazza Risorgimento , in altra zona  prospiciente . 

Il Polo Civico di Centro non puo’  accettare un simile sconvolgimento del territorio , nè puo’  rimanere insensibile alle critiche mosse dai commercianti e dai residenti di Piazza Risorgimento.

Per questo motivo, così come già anticipato in Commissione Lavori Pubblici insieme con il rappresentante dei Democratici di Sinistra Bisaccia,   il Polo Civico di Centro  valuterà nei prossimi giorni la definizione regolamentare  e  le idonee procedure di indizione di uno  specifico "Quesito referendario" .

Nel frattempo , il Coordinamento Cittadino del Polo Civico di Centro, con la collaborazione del Presidente del Centro Studi Sociali "Le Opinioni"  Marco Ferro , resta a disposizione di tutti quei cittadini che volessero intraprendere azioni volte a  salvaguardare l’assetto urbanistico e storico di Piazza Risorgimento, con recapito presso Via Pegoraro n°18 – tel : 0331\776254 dalle ore 9.30 alle ore 12.00. 

Il Comitato di Coordinamento Cittadino del Polo Civico di Centro

Ida D’Angelo , Quintino Magaro’, Fabio Castano, Stefano Nichele , Francesco Pascale, Salvatore Trentacoste , Angela  Borri

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.