Piero Chiara fa…il pieno di busti

Colpo di scena a Palazzo Verbania: la scultura di Baranzelli per ricordare il celebre scrittore è identica a quella già esistente, erroneamente attribuita ad un altro artista

“Ma sono uguali!”. La frase l’hanno pronunciata dapprima i buoni osservatori e conoscitori della storia locale; poi anche i profani. Tutti caduti in una di quelle che certamente passerà alla storia come une delle “beffe di Piero Chiara”: episodi grotteschi che, dal suo funerale in avanti (ma a dire il vero anche raccontate nei suoi romanzi) hanno contraddistinto da sempre lo stile del grande narratore. La statura raffigurante Piero Chiara e posta a Palazzo Verbania per ricordare il ventennale della morte dello scrittore, infatti, è una fotocopia di quella da anni presente a Palazzo Verbania, un tempo sede della biblioteca civica e oggi spazio che l’amministrazioni destina a mostre ed eventi. Due busti identici (nella foto in alto) ma dello stesso autore: Dino Baranzelli, amico dello scrittore de “Il piatto piange” e “La spartizione”, scultore che eseguì, tra l’altro,una serie di ritratti in bronzo di altrettanti famosi personaggi: da Sciascia a Soldati, da Montale a Bacchelli. Quando, nel pomeriggio di oggi, 28 dicembre, la statua è stata presentata al pubblico, è subito scattata l’incredulità da parte di tutti i presenti: il busto che da tempo è posto a Palazzo Verbania, infatti, è apparso del tutto identico a quello arrivato da Biandronno e fino ad oggi custodito in una scuola. E non è tutto. La scultura di Palazzo Verbania, attribuita da sempre allo scultore Onorato, ha ora un nuovo padre: lo stesso Baranzelli, che evidentemente volle replicare l’opera dedicata all’amico scrittore (nella foto , il sindaco di Luino Gianercole Mentasti) . Le statue sono ora esposte al pubblico; dopo il 31 dicembre verranno esposte fino al 18 gennaio a Villa Hussy.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.