Pro Patria e Varese, sorrisi e speranze

In C1 crolla il Monza e in testa si affacciano Venezia e Pisa dietro il Sassuolo. Il girone A della C2 sempre più pazzo: dieci squadre in 6 punti

Tra Sassuolo e Monza, spuntano Venezia e Pisa. I lagunari nel 16° turno di campionato del girone A di serie C1 hanno avuto la meglio sulla Lucchese, altra papabile per la promozione, con un netto 3-1 che porta la firma di Gennari e Collauto: veneti al secondo posto, dietro i modenesi targati Mapei, fermati sul pareggio (1-1) a Pistoia. Crolla il Monza, seppellito di gol al Brianteo dalla Massese: 2-5 il finale, biancorossi in 9 a fine partita, scavalcati anche dal Pisa e la prossima partita a Pizzighettone senza Egbedi e Bonatti. Dicevamo del Pisa, corsaro a Pavia grazie ad rigore di Biancone: i toscani sono al terzo posto, a due lunghezze dal Venezia e quattro dalla capolista Sassuolo. In zona playoff, dietro Lucchese e Cittadella (2-2 esterno con la Sangiovannese), piomba il Novara, vittorioso 2-1 a Padova con un gol al 92’ del secondo tempo di Ciuffetelli. A centro classifica Grosseto e Pro Sesto precedono la Massese di un punto, mentre rischiano a quota 19 Padova (via Pellegrini, il nuovo mister patavino è Mandorlini), Pistoiese e Sangiovannese. In piena zona playout la Pro Patria e l’Ivrea fanno tre passi avanti, battendo rispettivamente Pro Sesto e Pizzighettone: la cura Dominissini non può ancora essere entrata in circolo, ma i tigrotti hanno dato l’ennesima dimostrazione di poter competere a tutti i livelli. Importanti le reti di due “dimenticati” da Marco Rossi, Marino e la giovane punta Rosso. La strada è lunga, ma la salvezza è un obiettivo raggiungibile. Dietro la Cremonese fa un prezioso punto casalingo col Grosseto (ancora Carparelli in gol), mentre Pavia e Pizzighettone si contendono l’ultima piazza, separati da un punticino. Nell’ultimo turno prima di Natale, sabato 23 dicembre, la capolista Sassuolo giocherà contro la Sangiovannese, il Venezia rischia grosso a Pisa e il Monza affida le speranze di ripresa nella trasferta di Pizzighettone. Per la Pro Patria difficile (e tesa, visto il pochissimo affetto che corre tra le due tifoserie) gita a Novara.  

Che il girone A della serie C2 fosse un campionato strano, lo avevamo capito. Adesso c’è la sensazione che sia il torneo più pazzo del mondo. In testa perdono tutte, tranne il Lumezzane, che però ha avuto la meglio sul Bassano in Veneto in un rocambolesco 3-2. La Nuorese rimane capolista, nonostante la sconfitta a Montichiari (1-0 firmato Cigardi), con un punto di vantaggio sulla Pro Vercelli, che in Piemonte subisce l’1-0 dal Pergocrema. Il Lumezzane ha raggiunto a quota 27 il Bassano al terzo posto, due lunghezze dietro la capolista Nuorese. Il Legnano rimane in zona playoff nonostante la sconfitta casalinga nel derby contro il Varese: i ragazzi di Devis Mangia hanno avuto la meglio sui lilla grazie ad un gol di Ferrario. Il bomberino scuola Milan, finora imprendibile in Coppa Italia e timido in campionato, potrebbe essere il valore aggiunto di questo Varese, specie dopo la partenza di Savoldi: senza l’osannato bomber “Fastidioso”, a dire il vero ben poco incisivo nei suoi altrettanto pochi mesi biancorossi, Ferrario potrebbe acquistare fiducia e diventare il terminale offensivo che Mangia cercava, mobile e concreto allo stesso tempo, sempre in attesa del mercato di riparazione che potrebbe portare novità importanti. Dietro al Legnano spunta il Sud Tirol, vittorioso 2-0 sul Carpenedolo, seguito dal Cuneo (bel 2-1 contro un’Olbia in grande forma): alle spalle dei piemontesi, il terzetto che comprende Varese, Lecco e Valenzana a quota 22.  I punti che separano Macchi e compagni dalla zona nobile del torneo sono pochi, 5, ma un occhio alle spalle non guasta mai: a quota 21 ci sono Carpenedolo, Portogruaro e Pergocrema, a 20, già in zona playout, l’Olbia, a 19 Sassari Torres, a 15 il Montichiari, a 12 la Sanremese (solo 4 gol fatti dai liguri, ai quali serve a poco avere la miglior difesa del torneo con soli 11 gol subiti) e a 6, sempre più ultima, la Biellese. Per il 17° turno il match clou è senz’altro Nuorese-Pro Vercelli, mentre Bassano e Lumezzane stanno alla finestra cercando di vincere i rispettivi matches contro Cuneo (fuori casa) e Lecco, con il Legnano che va a fare visita al Carpendolo. Il Varese prova a fare un balzo in avanti al Franco Ossola contro la Valenzana: un bel regalo di Natale rallegrerebbe le feste di dirigenti, giocatori e tifosi biancorossi.    

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.