Questione acquedotto, la Lega all’attacco dell’amministrazione

Il Carroccio contesta la decisione di cedere ad Agesp il controllo dell'acquedotto e punta il dito sui "mal di pancia" della maggioranza

 

Riceviamo e pubblichiamo

Il 28
settembre era il giorno del consiglio comunale che avrebbe votato per
“svendere” l’acquedotto all’Agesp di Busto Arsizio. Alcuni
componenti della maggioranza si sono ritrovati, qualche giorno prima
del voto decisivo, a non conoscere alcun tipo di dettaglio riguardo
l’operazione. E’ stata pertanto richiesta una riunione
straordinaria di maggioranza per delucidazioni. Alla sera della
riunione, con gran stupore dei consiglieri, non si è
presentato il Sindaco ma bensì il marito, che nulla ha a che
fare con l’amministrazione. Il consiglier Bonacci ha quindi
abbandonato la riunione per protestare contro la mancanza di rispetto
del Sindaco.

Bonacci
al momento della votazione in consiglio ha votato contro la sua
stessa maggioranza, seguito dall’astensione dell’assessore al
bilancio/ecologia, del consiglier Cremona e dall’assenza del
consigliere Urgesi, che si è poi dimesso proprio per questo
specifico argomento.

L’acquedotto
sta quindi sconvolgendo gli equilibri all’interno della
maggioranza, un equilibrio sempre più labile.

La Lega
Nord per Venegono ha presentato, insieme alle altre forze di
opposizione, una mozione nel tentativo di frenare la malsana
decisione di cedere la gestione dell’acquedotto ad una società
di Busto Arsizio, territorialmente lontana da Venegono.

Alle
dimissioni di Urgesi, è seguito l’insediamento di un nuovo
consigliere, Fabio Tanadini, che ha accettato l’incarico lunedi 27
novembre e al consiglio comunale del 28 ha votato a favore ad ogni
punto assecondando la sua maggioranza, pur non essendo a conoscenza
dei dettagli contenuti nell’ordine del giorno.

Come
forza di opposizione ci saremmo aspettati da parte di Tanadini un
comportamento più responsabile, quantomeno un’astensione sui
temi più delicati.

Ma
questa è la realtà della giunta a Venegono Superiore.

Vi
terremo aggiornati sugli sviluppi nella speranza che questo teatrino
si concluda al più presto.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.