«Sacconago? Un souk, ormai è irriconoscibile per chi ci vive da una vita»

Domenica 10 dicembre un presidio di protesta del Movimento Giovani Padani in piazza Giovanni XXIII contro il «degrado urbanistico nonchè sociale» del rione, imputato agli immigrati stranieri

Riceviamo e pubblichiamo


Domenica 10 Dicembre
p.v., in piazza Santi Apostoli Pietro e Paolo a Busto Arsizio, quartiere Sacconago, si terrà dalle ore 9 alle ore 12 un presidio del Movimento Giovani Padani di Busto per sensibilizzare mediante raccolta firme le istituzioni circa il degrado urbanistico nonchè sociale in cui versa il quartiere storico di Busto. Saranno presenti gli onorevoli Grimoldi e Speroni.

«L’immigrazione selvaggia favorita dallo Stato centrale sta causando nel quartiere una veloce e inesorabile trasformazione sia dal punto di vista "urbanistico",sono infatti scomparsi tutti i panettieri o meglio prestinee per far posto a macellerie, bar e altri esercizi gestiti dai nuovi arrivati che fanno assomigliare il quartiere sempre più a un souk rendendolo irriconoscibile agli occhi di che ci abita da una vita».

«Come se questo non bastasse il quartiere è ormai sull’orlo di un’emergenza sicurezza, si contano a decine le denunce per schiamazzi, molestie, finora fortunatamente solo verbali, e altri episodi poco edificanti che vanno dalle scritte sui muri all’utilizzo dei muri delle case come pubbliche latrine».

Noi giovani padani non nascondiamo la testa sotto la sabbia e intendiamo denunciare in ogni sede, dal Comune alla Questura fino alla Prefettura, questo scandaloso stato di cose.
Nessuna polemica diretta verso l’amministrazione locale come qualcuno ha cercato di insinuare strumentalizzando il problema, ma solo un forte grido di rabbia e la voglia di far rifiorire un quartiere storico della città.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.