Saddam è stato giustiziato

Alle 4 ore italiane, come annunciato, l'ex dittatore è stato impiccato. Le sue ultime parole: "Restate uniti"

Saddam è stato impiccato. Alle 5,56 ora di Baghdad (le 3,56 in Italia) il rais è stato giustiziato, così com’era stato deciso dal tribunale iracheno. A dare per prima l’annuncio dell’esecuzione è stata la televisione irachena al Hurrah.
Saddam era stato condannato a morte per il massacro nel 1982 di 148 uomini e ragazzi sciiti. L’esecuzione è stata ripresa con una videocamera e fotografata in tutte le sue fasi, è quanto ha riferito la Cnn, citando Al-Iraqiya, la Tv pubblica irachena. Il video e le immagini dovrebbero essere messi a disposizione dei media e la Cnn ha preannunciato che almeno in parte le metterà in onda.
L’ex dittatore ha fatto in tempo a dire alcune parole rivolte al suo popolo iracheno: ha esortato gli iracheni a "restare uniti" e ha denunciato la "coalizione iraniana".
La condanna a morte dell’ex presidente iracheno per crimini contro l’umanità il 5 novembre scorso era stata salutata dal presidente americano George W. Bush come un trionfo per la democrazia in Iraq. Per il presidente degli Stati Uniti, Gorge Bush “giustizia è fatta”. Molti i paesi europei, tra cui l’Italia, che hanno invece condannato l’esecuzione.
Per il Vaticano invece si tratta di "Una notizia tragica". Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa vaticana ha aggiunto: "C’e’ il rischio che alimenti lo spirito di vendetta e semini nuova violenza.  L’uccisione del colpevole non è la via per ricostruire la giustizia e riconciliare la società".
Il ministero degli Esteri russo ha espresso rammarico per l’esecuzione di Saddam Hussein e sottolineato che sono stati ignorati tutti gli appelli alla clemenza levatisi da più parti.

Tutte le notizie

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.