Santa Caterina, al via i lavori per l’ascensore

Il presidente Marco Reguzzoni ha inaugurato la scalinata che conduce all'eremo e dato il primo colpo di piccone per la nuova opera

Una splendida giornata di sole ha illuminato la mattinata di festa per l’inaugurazione delle Cascine del Quiquio (foto) dell’Eremo di Santa Caterina del Sasso. Aperitivo e caldarroste sono state accompagnate dalla musica tradizionale dei "Tencitt" di Cunardo che hanno rallegrato l’evento istituzionale, mentre il lago e le montagne innevate hanno inconrniciato la corte dove si è svolta la cerimonia.

Galleria fotografica

Inaugurazione delle Cascine del Quiquio 4 di 13

Il sindaco di Leggiuno Adriano Costantini e Padre Comolli, responsabile dell’Eremo, hanno fatto gli onori di casa, ringraziando la Provincia di Varese per l’attenzione dimostrata verso il santuario e gli edifici delle cascine che lo completano. L’Assessore ai beni culturali Luca Marsico ha ricordato il lungo percoroso, dall’acquisto della proprietà nel 1999 all’inizio del cantiere nell’aprile del 2004, che ha portato la Provincia ad intervenire direttamente per la preservazione del patrimonio artisitico.

Il Presidente della Provicia Marco Reguzzoni si è detto molto soddisfatto del lavoro di ristrutturazione: «Un’opera costosa, ma anche un investimento per il futuro della Provincia». Il restauro conservativo delle cascine è costato un milione e 880 mila euro, di cui un milione e 162 mila sono stati stanziati dalla Regione Lombardia.

Molte le persone intervenute compresi sindaci dei comuni limitrofi e autorità locali. L’evento clou della mattina di festa è stato l’inizio simbolico dei nuovi lavori per la costruzione dell’ascesore che collegherà il piazzale delle Cascine del Quiquio all’Eremo, permettendo così anche a coloro che non sono in grado di affrontare la lunga scalinata di poter accedere al santuario arroccato sulla sponda rocciosa del Lago Maggiore. Un’opera che il Presidente Reguzzoni ha particolarmente a cuore e che ha voluto iniziare in prima persona, dando il primo colpo di piccone, aiutato con la pala dall’Assessore Marsico. È poi seguito il taglio del nastro che ha aperto ufficialmente la scalinata, completamente rinnovata, che conduce all’Eremo di Santa Caterina.

Le cascine del Quiquio, acquisitate dalla Provincia nel ’99, sono un complesso che ha sempre fatto parte dell’Eremo almeno a partire dal Cinquecento ma che si trovavano in condizioni di manutenzione precaria. L’intera area è stata perciò sottoposta ad una lunga serie di interventi: fra il 2002 e l’anno successivo la Provincia ha realizzato un nuovo parcheggio per autobus e autovetture, quindi si è provveduto alla costruzione di una nuova strada di collegamento che sostituisse la pre-esistente, che attraversava la corte, proprio per rendere la corte stessa “isola pedonale”. Nuova anche la rete fognaria, realizzata prima che si intervenisse sulle cascine per un restauro conservativo e di recupero funzionale.

Le ex cascine diventeranno ora un’area di servizi per pellegrini e turisti che giungono numerosi a visitare il singolare eremo. Nei locali sapientemente rinnovati verrà creato un ristorante e un negozio di speciaità locali. Sarà inoltre aperto un ufficio turistico gestito dal Comune di Leggiuno. Lo spazio di quella che un tempo era una ghiacciaia sarà invece adibito a spazio espositivo per eventi artistici e culturali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 dicembre 2006
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Inaugurazione delle Cascine del Quiquio 4 di 13

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.