Spalano la neve a marzo, la paga arriverà (forse) dopo un anno

Lo denunciano i rappresentanti dei dipendenti comunali: stessa vicenda per le educatrici del centro estivo. Spiragli sulla questione vigili

Il 2006 è stato un anno “caldo” sul fronte sindacale per i lavoratori del Comune, ancora alle prese con l’eredità dell’amministrazione Rosa e, ancor più, quella della lunga gestione Tosi. A parte la conclamata insufficienza del personale, problema annoso e tuttora insoluto e che le feroci strette finanziarie da Roma non aiutano certo a risolvere, la situazione sembra in via di miglioramento, ma restano ancora alcune questioni da sistemare, che sono state esplicitate questa mattina in una conferenza stampa della RSU dei dipendenti comunali. Erano presenti Fausto Sartorato, Claudio Fumagalli e Rosa Sculco per il SinCobas, Fiorella Barbante per la Cgil e Fabio Agatea per AlCobas.

Si è messo in luce che chi ha spalato la neve lo scorso marzo ancora non ha ricevuto i soldi dovuti; l’assessore al personale Zingale, negli ultimi giorni, ha per parte sua promesso che farà mettere nel bilancio di previsione 2007 i 14-15.000 euro necessari. Una vicenda simile ha coinvolto gli educatori coinvolti nell’attività del centro estivo, “prolungamento” nel mese di luglio delle attività degli asili. Anche per loro i soldi dovuti non sono arrivati, e anche qui Zingale ha dovuto gettare acqua sul fuoco promettendo di far arrivare in gennaio le paghe arretrate, fin qui bloccate da un intoppo amministrativo.

Aperture e passi avanti nel rapporto con l’amministrazione certo ci sono stati, assicurano in coro i sindacalisti: «Di certo c’è molta più disponibilità che da parte della precedente amministrazione» commenta Barbante. «Zingale incontrando i dipendenti aveva detto: meno generali e più soldati. Ma io vedo ancora troppi generali che si alzano la mattina e decidono lì per lì cosa fare» osserva invece Sartorato. «Ora un consulente esterno sta valutando come riorganizzare la macchina comunale, ma non era meglio chiedere direttamente il nostro parere come dipendenti, gratis oltretutto? Visto che si trovano i soldi per ogni genere di iniziativa, incluse le casette natalizie in centro, sarebbe bene trovarli anche per chi lavora per il Comune».

Sul fronte vigili, il più rovente, si apre qualche spiraglio: sembra che si possa convergere su una soluzione per cui da un lato determinati servizi per eventi dovranno basarsi su sponsorizzazioni che coprano il costo del servizio medesimo – in pratica, organizzatori o sponsor pagherebbero il Comune; dall’altro lo stakanovismo, da obbligatorio e determinato da sorteggio, diventerebbe volontario anche per quanto riguarda i blocchi del traffico.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.