Terra e gente, stotrie di lago e di montagna protagoniste a Villa Frua

Il quattordicesimo numero della rivista verrà presentata nella splendida cornice del comune di Laveno Mombello. Saranno esposte opere in ceramica di Antonia Campi e Albino Reggiori

Terra e gente compie 14 anni. La rivista culturale creata nel 1993 e coordinata dalla Dr.ssa Serena Contini è giunta al 14° anno di pubblicazione. Annoverata fra principali pubblicazioni di storia locale, La rivista culturale creata nel 1993 costituisce oggi un percorso obbligato per chi vuole conoscere la Valcuvia e le vicine zone – da Castello Cabiaglio a Gavirate, da Laveno Mombello a Bardello – nella sua essenza più vera e radicata. Dalla storia alla poesia, dall’arte alla botanica, numerosi sono stati gli esperti che hanno fotografato questo territorio in molteplici aspetti.

Com’è di tradizione anche quest’anno la presentazione del nuovo volume si terrà poco prima di Natale, per la precisione venerdì 15 dicembre alle ore 21.00 presso Villa Frua di Laveno Mombello. Una scelta fatta per celebrare il 150° anniversario di fondazione delle fabbriche di ceramica di Laveno Mombello ricorrenza evidenziata anche nella rivista. Altro anniversario celebrato all’interno della pubblicazione è il 50° anno di fondazione della Galleria all’aperto dell’affresco di Arcumeggia.

Un numero molto ricco, quindi, che si divide in una prima parte in cui sono compresi contributi riguardanti la storia dell’arte, articoli storici e letterari (tra cui spiccano le firme della giornalista Mura e del futurista Luigi Russolo), e in una seconda parte interamente dedicata agli atti del convegno scientifico dal titolo “La medicina, la Valcuvia e il tempio di Duno”, tenutosi a Cassano Valcuvia il 2 luglio 2005.

Il piano editoriale vuole offrire la possibilità di conoscere e approfondire nei singoli articoli vicende e personaggi uniti da un legame territoriale: infiniti spunti per ricostruire il nostro passato, come sempre chiave basilare per il nostro presente. Conoscere una terra come la nostra costituita da elementi discreti e da richiami sommessi richiede una sensibilità attenta che ha trovato certamente sviluppo nei valenti collaboratori ed autori che negli anni hanno dato vita alle pagine della rivista.

In occasione della presentazione del 14° numero della rivista, tra i vari autorevoli ospiti, interverrà anche Antonia Campi: testimone illustre nonché artefice di un’attività, durata quasi due secoli, che ha lasciato un segno indelebile nell’arte, nella cultura, nella tecnologia, nella vita pubblica e privata della società lavenese e di tutto l’Alto Varesotto. Durante la serata saranno esposte opere della ceramista e dell’artista Albino Reggiori recentemente scomparso, a cui è dedicata la copertina della rivista.

In concomitanza alla presentazione del nuovo numero di Terra e Gente, come di consueto, verranno inoltre consegnate ai ragazzi delle scuole medie superiori e dell’università le borse di studio assegnate dalla Comunità Montana.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.