Varese a secco, addio alla Coppa

Varese-Cuneo 0-0. Mangia schiera una squadra con molti giovanissimi che giocano bene ma non pungono. Biancorossi eliminati e traditi da Maiolo che va al Como

Non è un bel periodo per il Varese che è costretto a dire addio alla Coppa Italia dopo il pareggio a reti inviolate del Franco Ossola contro il Cuneo: i piemontesi avevano vinto all’andata 3-1 e si sono limitati a controllare il punteggio per portare a casa la qualificazione.
Come se non bastassero le difficoltà sportive, i biancorossi ricevono il secondo colpo (basso) in due giorni per quel che riguarda l’organico. Dopo l’addio di Gianluca Savoldi, rimbalza oggi la notizia che Vincenzo Maiolo ha firmato per il Como. Un fulmine a ciel sereno perchè il bomber di origine varesina si era allenato per un mese agli ordini di Mangia ed era sul punto di essere tesserato. Nel pomeriggio di ieri la fuga, tenuta nascosta anche a Sogliano, e il contratto con gli eterni rivali.

Contro il Cuneo Mangia si affida a una formazione giovanissima, con ben sette ragazzi che devono ancora compiere i vent’anni (il centravanti Giovio del ’90 è il più giovane) governati da capitan Macchi che giostra sulla fascia sinistra.

Il Varese baby gioca anche piuttosto bene nel primo tempo quando sono i biancorossi a fare la partita e a proporsi subito (5′) con Pisano, fermato dall’uscita di Maio. Una supremazia territoriale che però non si concretizza in altre occasioni da gol: il pallone arriva a centro area un paio di volte ma Pisano (22’) spara altissimo e Giovio (36’) non riesce a indirizzare in porta il colpo di testa. Sampietro interviene per la prima volta al 40’ per neutralizzare senza problemi una conclusione di Ruscitti sugli sviluppi di un corner.

 

Nella ripresa Mangia spedisce in campo Guazzo per avanzare il baricentro, ed è proprio l’ex rodigino a sprecare un bel contropiede all’8’. Poco dopo è bravo Luoni a centro area a sventare in due tempi un cross pericoloso. Al 16’ si fa vedere Adzaip che da 25 metri sfiora la traversa con un gran destro. Il Varese cresce dopo il 20’ ma paga ancora l’inconsistenza in area di rigore dove non riesce mai ad affacciarsi. Una situazione che dura fino al 37’ quando Maio si supera su un colpo di testa ravvicinato di Confeggi su corner di Grossi. Prima della fine gli applausi del pubblico sono per il giovane Eman, espulso con decisione molto avventata dal contestato arbitro Morabito. Il centrocampista del Cuneo era entrato solo da pochi istanti al posto di Iacona.

Finisce così, con uno 0-0 scialbo e utile soprattutto a far assaggiare ai giovani uno scampolo di serie C. Quella che da ora in poi sarà l’unico pensiero dei biancorossi di Mangia, con l’unico obiettivo di risalire in classifica.

Varese – Cuneo (0-0)

 

Varese: Sampietro; Tersigni, Dionisi, Luoni, Macchi (Confeggi al 16’ st); Pisano, Corti, Troiano (Guazzo dal 1’ st), Adzaip; Pace (Grossi dal 21’st), Giovio. All. Mangia. A disp.: Bindi, Budelli, Corrado, Salerni.

Cuneo: Maio; Canini, Fornoni, Garaffoni, Maddé; Ferrari (Riva dal 28’ st), Cristini, Ruscitti, Rossi; Taribello (Brino dal 13’ st), Iacona (Enam dal 39’). All. Fortunato. A disp.: Cravero, Madrigano, Chrysostome, , Bodino.

 

Arbitro: Morabito di Messina (Griffa e Panciroli). Note. Giornata soleggiata e fredda, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Pace, Ferrario. Espulso: Enam. Spett.: 200 circa.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 dicembre 2006
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.