Accam, passano gli indirizzi di gestione

Voto quasi unanime: astenuta solo San Vittore Olona

L’assemblea dei soci Accam, convocata a Palazzo Gilardoni in questo lunedì pomeriggio già estivo, ha dato il via libera agli indirizzi di gestione di Accam per i prossimi anni: un progetto complessivo che dovrà condurre ad una gestione integrata dell’impianto e del ciclo dei rifiuti fino alla data prevista per la chiusura dell’impianto, il 2019 – così recita il contratto con il Comune di Busto.

In apertura di seduta il sindaco di Busto Arsizio Gigi Farioli ha voluto stilare un indirizzo al CdA che contempalsse alcuni «paletti», come li ha definiti, a tutela del rispetto rigoroso del contratto di locazione o convenzione Busto-Accam e nel senso di intendere l’intero abbozzo di piano industriale come il primo passo per la trasformazione di Accam in un’agenzia ambientale per il territorio, oltre a specificare il coinvolgimento delle ex municipalizzate nella gestione. «Privilegiare la riduzione dell’inquinamento, impiegare calore ed energia prodotti eliminando i rifiuti»: questa la linea chiesta da Farioli, e successivamente approvata in pieno da Nicola Mucci, sindaco di Gallarate ed ex "arcinemico" di Busto ai tempi della gestione Rosa.

A parte alcuni appunti e richieste di precisazioni o di visionare quanto prima i documenti, l’unica voce che si è levata "contro" è stata quella del rappresentante di San Vittore Olona, dettosi preoccupato per un documento che sembrava frutto di una trattativa solo sull’asse Busto-Accam SpA. San Vittore è stato poi infatti l’unico Comune socio presente (le assenze non erano poche, per una seduta di questo rilievo), ad astenersi al voto finale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.