Aler: “I sindacati fanno demagogia sugli affitti”

Voci oscure nelle bollette? Per l'azienda inquilini e organizazioni sono state informate.

I sindacati accusano l’Aler di scarsa trasparenza nella comunicazione delle spese agli inquilini e l’azienda delle case popolari ribatte piccata: accuse strumentali, avevamo spiegato tutto a suo tempo. "C’è un attacco sistematico dei sindacati nei nostro confronti – dice il direttore generale dell’Aler Gaetano Campione – respingiamo le accuse al mittente, si tratta di una iniziativa strumentale e demagogica". Tutto nasce da una accusa rivolta all’Aler da parte delle organizzazioni degli inquilini. Nel bollettino di febbraio una spesa di 33,5 euro e in quello di marzo 154,72 euro comparivano alla voce bolli e registrazione di contratto. Secondo i sindacati Cgil Sunia e Cisl Sicet, nessuno ha spiegato da dove arrivino quelle voci.
Aler chiarisce che quelle spese sono state generate dall’ultimo decreto Bersani: si tratta di costi per la registrazione dei contratti. Ma sono solo: "Noi abbiamo avvisato tutti gli inquilini di queste nuove spese con una lettera il 27 febbraio – sottolinea Campione- e inoltre abbiamo anche informato i sindacati. Quindi – continua – non capisco proprio questa polemica, che nasce oltretutto da un provvedimento del ministro Bersani, a cui loro sono certamente politicamente  vicini. Noi siamo in realtà vittime di questa nuova tassazione perché ne paghiamo il 50%. Sarebbe stato meglio – insiste – che i sindacati si fossero adoperati per ottenere l’esenzione delle Aler da queste tasse".
La tassa di registrazione dei contratti, che i sindacati hanno sistematicamente spiegato punto per punto in un comunicato, sarebbe l’occasione per una polemica più politica. Secondo Campione i sindacati starebbero alzando il livello dello scontro in tutta la Lombardia, alla vigilia di interventi legislativi che riguardano una riforma delle Aler.
La polemica è ruvida, ma Campione conclude con toni concilianti: “L’invito che rivolgo ai sindacati – dice – è quello di collaborare su aspetti più concreti, come il piano che prevede una spesa di 100 milioni di euro in tre anni per la costruzione in provincia di quasi 900 alloggi. Il resto, per me finisce qui".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.