Appello al Governo: “Ci state sostituendo coi vigili volontari”

La richiesta da parte del "comitato nazionale di protesta dei vigili del fuoco"

Riceviamo e pubblichiamo

 

Cari Onorevoli, ho avuto un’incontro con il Segretario Generale del CONAPO Antonio Brizzi, e su alcuni punti esposti, vi abbiamo trovato concorde intese e larghi obbiettivi, da cui è scaturito un intento comune e sempre più forte e profondo per raggiungerli, il Segretario del CONAPO si é impegnato a rappresentarle davanti a tutte le Sedi Politiche ed Istituzionali e qui di seguito riportate.

Da troppo tempo ormai, il destino del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco ha intrapreso la strada dell’estinzione totale per fare spazio ad un servizio di volontariato.

A tal proposito non sono mancati da parte nostra gli allarmi lanciati e sistematicamente caduti nel vuoto, vuoi per disattenzione al problema, vuoi per convenienza economica.

Inutile confermare il nostro parere favorevole in quanto al volontariato in genere, inteso come assistenza, non come organo di Soccorso Primario quale é quello svolto dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, poiché riteniamo la Professionalità del Soccorso per il Cittadino sia prerogativo e non alternativo, quando invece assistiamo oggi ad un inversione di tendenza in tal senso, volta ad affidare al Volontariato tale compito, con

riflessi ovviamente negativi, sempre più spesso drammatici.

Vediamo infatti, che da un lato vi é una ferma volontà Politica di aumentare le sedi di Vigili del Fuoco Volontari in tutto il territorio Nazionale, dall’altra una palese difficoltà anche a mantenere le attuali Sedi dei Vigili del Fuoco Professionisti, poiché da almeno cinque anni non vi sono assunzioni di Personale Permanente neanche sufficiente a sostituire il personale che viene collocato in quiescenza.

Questo comporta un declassamento della Sicurezza dei Cittadini Italiani, cosa che per qualsiasi Governo, di un qualunque Stato Democratico e Civile, dovrebbe essere basilare e incontrovertibile.

Ormai il comportamento della nostra Amministrazione é palesemente denigratoria nei confronti dei Lavoratori Vigili del Fuoco, tanto denigratoria da porre in essere anche l’umiliazione del Personale Permanente, mi spiego meglio.

Un Vigile del fuoco, per essere tale, dopo aver vinto un concorso deve effettuare sei mesi di corso, poi gradualmente viene inserito in Squadra, dove nei casi d’interventi di un certo spessore é sempre dietro a quelli più esperti, intanto negli anni frequenta tantissimi corsi di aggiornamento tipo: SAF, NBCR, NAUTICI, PORTUALI, AEROPORTUALI, PROCEDURE STANDARD D’INTERVENTO, STABILITA’ DELLE STRUTTURE, TRASPORTO MATERIALE PERICOLOSO, POLIZIA GIUDIZIARIA, ECC.ECC., se é fortunato dopo 16 anni di servizio ha la possibilità di diventare Capo Squadra.

Per passare in questo nuovo ruolo deve fare un corso attuale di cinque settimane, dal prossimo corso, di tre mesi, nel 90 % dei casi deve fare la valigia e trasferirsi in altre Sedi dove c’é tale carenza, lì si farà almeno tre o quattro anni per poi rientrare nella propria Provincia e fare il pendolare da qualche sede distaccata, resta in questa qualifica almeno altri sette anni, che vuol dire ha raggiunto almeno 23 anni di servizio, poi si trova con la sua Squadra ad operare insieme ad una Squadra di Volontari e sapete chi dirige l’intervento? Il Capo reparto Volontario.

Si, avete capito bene, dirige l’intervento il Capo Reparto Volontario, che per diventare tale ha dovuto solo fare 20 gg di corso per diventare Vigile Volontario, dopo cinque anni anche se non ha partecipato mai ad interventi ha dovuto fare solo un corso “ONLINE” per diventare Capo Squadra Volontario, dopo altri cinque anni in questa qualifica, anche se non ha fatto ancora nessun intervento e nessun corso, ha dovuto partecipare ad

un’altro corso “ONLINE” per diventare Capo Reparto e adesso con dieci anni d’iscrizione nei Volontari dà disposizioni a chi in 23 anni di servizio si é solo occupato della sua Professionalità.

Non era più razionale che la componente Permanente deve sempre e comunque dirigere l’intervento? No, poiché il Volontariato é gestito a livello Politico, quindi essendo un grosso serbatoio di voti in ambito territoriale, deve essere sempre posto gradualmente a sostituzione della componente Permanente.

Questo é un gioco al martirio di un Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che in più di 60 anni ha dato tanto a questo Paese, soprattutto siamo orgogliosi di essere considerati i più professionali del Mondo, anche se non abbiamo le attrezzature come in altri Paesi come gli USA, GB, FR, D.

Sono loro, i colleghi di altri Paesi, che infatti ci copiano molte Procedure Operative d’intervento, non ultime in ambito di specializzazioni come Speleo Alpino Fluviale (SAF) o Nucleare Biologico Chimico Radioattività (NBCR). Possibile che in questo Paese quando c’é qualcosa che funzione meglio che negli altri, i nostri Politici s’impegnano allo spasimo per distruggerlo?

Si Signori Onorevoli, questo é quello che si sta verificando, e lo si sta facendo gradualmente, senza che i cittadini se ne accorgano, tranne poi quando sarà troppo tardi tornare indietro, il che ovviamente é molto più complicato, esempio le ambulanze gestite da personale Volontario, si piange il morto e si cerca un capo espiatorio, solo per coprire le carenze primarie del Soccorso e la nostra negligenza programmativa di tale fondamentale compito.

Accadrà anche con i Vigili del Fuoco Volontari, poiché é solo una questione di tempo, se non vogliamo proprio considerare che é già successo, vero?

Che questo é il futuro dei Cittadini Italiani é fuor di dubbio, per cosa hanno mai pagato le tasse se poi il loro Stato non é in grado più di garantirgli neanche il Soccorso tecnico urgente, fatto da Professionisti?

Questa é una risposta che dovete dare Voi con i fatti, non a me, ma ai Cittadini Italiani, quelli che Vi hanno mandato a Governare questo Paese meraviglioso, per cui le chiacchiere non bastano più, neanche quelle più credibili e strumentali.

Vi ricordo che siete stati eletti con il dovere di diminuire il Precariato al cospetto del lavoro garantito, é cos’é il Volontariato?

Non é una forma di Precariato bella e buona? Il 90 % dei Volontari lo fanno solo perché sono disoccupati o per arrotondare il misero stipendio che guadagna in nero.

Allora diciamo basta a queste magagne d’alto borgo, il Soccorso é un servizio Primario da offrire ai Cittadini, basta Volontari nei Vigili del Fuoco, semmai solo il 5% di VFB, basta sfruttare questi poveri Vigili Volontari che di fatto sono solo dei Precari, assumiamoli tutti nel Corpo Nazionale come Permanenti, facciamogli fare i corsi come Dio Comanda e facciamoli diventare Professionisti, in fin dei conti sono solo 19 mila, niente in confronto ai 6 milioni di precari in generale.

Così realizzate il progetto Italia in Venti minuti con i Professionisti, ed un Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco che sul territorio può dare giuste risposte anche nei tempi d’intervento e non solo di Professionalità.

Non mi rispondete che nei Paesi che ho citato sopra ci sono 50 mila Volontari, poiché é anche vero che in quei Paesi ci sono almeno 120 mila Professionisti in FR, 170 mila in GB, 160 mila in D ecc. ecc., in Italia solo 25 mila, quando a Parigi solo ce ne sono 10 mila Professionisti, bel confronto. Da ciò il mio appello disperato, salvate il Corpo

Nazionale dei Vigili del Fuoco, come?

1) Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nel “Comparto Sicurezza” attraverso l’articolo 16 della Legge 121 del 1981, secondo comma, poiché é di fondamentale importanza per i Corpi che svolgono attività di Pubblica Sicurezza e Polizia Giudiziaria essere indipendenti dal resto del Pubblico Impiego.

2) Assunzione totale del Personale inquadrato nelle liste dei Vigili Volontari e Discontinui (Precari).

3) Istituzione del 5% VFB per creare un laboratorio di pre assunzione per i concorsi futuri.

4) Distacco totale della gestione del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco da quella di Protezione Civile, la quale PC resta inteso fornirà solo assistenza in eventuali località d’eventi calamitosi, dove il Corpo Nazionale Vigili del Fuoco svolgerà Opera di Soccorso Primario.

 

Il Portavoce Nazionale Vittorio Imbrogno

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.