Arriva il “Valle Olona”; gli organizzatori puliscono le strade

La Psa, società milanese che organizza la corsa, sta migliorando e ripristinando i tratti su cui gareggeranno i bolidi

«Se vogliamo che i rally continuino ad esistere, dobbiamo "offrire", oltre al ritorno di immagine, anche un vantaggio ai Comuni interessati dal passaggio delle gare». A parlare è Corrado Spataro, collaboratore di Psa, la società milanese che nel weekend del 19 e 20 marzo prossimi organizzerà sulle strade dell’Alto Varesotto la seconda edizione del "Rally Valle Olona". Proprio per questo motivo la Psa sta provvedendo alla pulizia di parti del manto stradale ed al ripristino dei fondi più tortuosi. 

«Sappiamo che i rally non godono sempre di una bella immagine – prosegue Spataro – quindi abbiamo previsto una serie di interventi a carico dell’organizzazione, volti a migliorare la sede stradale. Oggi (giovedì 26, n.d.r.) per esempio stiamo pulendo il tratto che dal campo di calcio di Castendallo di Montegrino risale fino all’innesto con la strada provinciale. La vegetazione è molto fitta; piante, foglie e rami invadono la sede stradale. Nel giro di un paio di giorni rimetteremo "a lucido" questi chilometri».
Un altro lavoro che svolgerà la Psa sarà quello dell’asfaltatura di alcuni tratti di strada dal bivio di S.Antonio alla cima del S.Michele. «I numerosi buchi presenti – prosegue Spataro – verranno tappati e livellati. Inoltre tengo a sottolineare che lo stesso lavoro di pulizia e ripristino verrà svolto anche a rally finito, per dimostrare come la "politica dello scambio" sia un sistema efficace».

Il "Valle Olona" come detto si disputerà il 19 e 20 maggio e le prove speciali sono già state svelate (e anticipate nelle scorse settimane da VareseNews) con le loro belle novità e alcuni importanti ritorni. L’edizione 2007, che sembra rievocare il rally di Varese degli anni ’80, prevede una due giorni di gara impegnativa con le prove di Roggiano-Brezzo e Casalzuigno-Arcumeggia-S.Michele al pomeriggio del sabato. Domenica il tris di speciali da ripetersi due volte che prevede il Cuvignone nella sua forma classica: Nasca-S.Antonio-Cuvignone-Vararo-Cittiglio, la Castendallo-Montegrino ed infine la Rancio-Brinzio-Cabiaglio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.