«Con quest’opera la valle tornerà a ridere»

Soddisfazione da parte del mondo imprenditoriale per l’inizio dei lavori. Univa: «Ringraziamo la Provincia per averci creduto»

«Siamo stati lavati ripetutamente, abbiamo vissuto momenti tragici, ma ci battiamo dal ‘76 per questa diga che non è di quelle solite, bensì un invaso. L’Olona ha dato alla valle una carica notevole e con quest’opera la valle tornerà a ridere». Con queste parole Attilio Tronconi (nella foto), imprenditore di Fagnano Olona e Presidente dell’”Associazione per la tutela del fiume Olona e del suo territorio” ha commentato il taglio del nastro dei lavori per la realizzazione della diga sull’Olona, a Gurone. Parole di soddisfazione che arrivano dopo diversi anni di attesa per un’opera fortemente voluta dai rappresentanti dell’industria e del mondo economico Varesino. Momenti di ottimismo alternati alla sfiducia, come ha affermato il Presidente degli industriali della provincia di Varese Alberto Ribolla, cha ha inteso «dare atto al Presidente della Provincia di Varese Marco Reguzzoni e all’assessore provinciale all’ambiente Francesco Pintus di averci creduto e di essersi attivati con determinazione, non ultimo per aver preso la decisione, non di poco conto, di finanziare l’opera con risorse della stessa Provincia, in assenza di stanziamenti statali».
Un’opera attesa, quindi, soprattutto alla luce dei danni che le esondazioni dell’Olona hanno prodotto negli anni passati. Cinquecento milioni di euro in tutto, sempre secondo la valutazione di Univa, che ha finanziato il progetto per la realizzazione dell’opera. «Danni – ha aggiunto il Presidente Ribolla (nella foto) – che hanno riguardato non solo gli insediamenti produttivi insediati nelle vicinanze del fiume, ma anche le abitazioni e le infrastrutture stradali. Il costo dell’opera, oggi, è di 23 milioni di euro. Se la vasca di laminazione delle piene si fosse costruita venticinque anni fa, la collettività avrebbe risparmiato».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.