Conto alla rovescia per la piscina

Una visita all’interno della struttura visibile dalla Varesina che sarà inaugurata il prossimo 30 giugno. I gestori assicurano: «Nessun problema con l’acqua e prezzi contenuti»

«Chiamarla piscina è riduttivo, è un vero e proprio centro benessere». Domenico Galante è il  presidente della Gei-sport, la società che gestirà il l’impianto natatorio di Tradate, attualmente in costruzione «e che sarà pronto per l’inaugurazione il prossimo 30 giugno, naturalmente salvo cataclismi naturali». La struttura comunale, che sarà gestita proprio dalla Gei-sport per 29 anni, ad oggi è visibile dalla strada provinciale Varesina e sono in molti a chiedersi cosa siano quelle grosse travi in legno. Si tratta del tetto della struttura, così creato «per essere in armonia con il resto del paesaggio – spiega Galante -. Anche la scelta di fare in verde il resto della copertura è per creare un buon impatto con il paesaggio».

Galleria fotografica

La piscina di Tradate 4 di 20

Galante ci ha fatto da guida nel cantiere illustrandoci, dall’ingresso ai 6 mila metri quadri di prato destinato a solarium, tutto quello che sarà la struttura, attesa da oltre 30 anni a Tradate. Se ne parla da mesi della nascita effettiva della piscina, ma nessuno più ci credeva dopo lo stop al cantiere subito cinque anni fa, a causa di un contenzioso con la vecchia ditta appaltatrice. Ora i lavori, invece, sembrano davvero essere arrivati al dunque.
L’impianto comprenderà quindi: bar, ristorante, piscina grande, piscina piccola, idromassaggio, tre palestre per i corsi al piano superiore, una palestra attrezzata da 600 metri quadri al piano interrato, oltre 200 parcheggi, il già citato solarium da 6 mila metri quadri, e predisposizione per creare in futuro anche un termario, un’area dove fare bagno turco e similari. «Il tutto in maniera accogliente – spiega Galante, la cui società gestisce anche la piscina di Cassano Magnago -. Chi si recherà in questa struttura non verrà solo per fare il classico bagnetto, ma per soddisfare un’esigenza sportiva che in questo territorio oggi manca».

Ma quanto costerà fare il bagno in una struttura del genere? Galante assicura che i prezzi di ingresso saranno in linea con le strutture di questo tipo, come Cassano, che ha un biglietto di ingresso di 5,50 euro (nella zona, ad esempio, per entrare nella piscina di Mozzate si paga 4,70 euro). Inoltre, i tradatesi, per convenzione con il Comune, avranno uno sconto del 10 per cento sul biglietto di ingresso.
Altra polemica, oltre a quella del prezzo, riguarda anche l’utilizzo dell’acqua, dopo la siccità dell’anno scorso e la carenza della falda acquifera. Per Galante non ci sono problemi: il Comune ha scavato un pozzo vicino alla piscina, che produce 4 litri di acqua al secondo. «Il pozzo sarà presto in rete – spiega il sindaco Stefano Candiani – e alla piscina, per essere autonoma, serve un litro al secondo. Il resto andrà in rete, quindi non ci saranno ripercussioni nell’acquedotto per l’approvvigionamento alle famiglie».

La struttura sarà pronta prima del 30 giugno, giorno di inaugurazione, spiega Galante. Intanto è stato predisposto di omaggiare i tradatesi con 20 mila biglietti da utilizzare dal primo di luglio in poi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 aprile 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La piscina di Tradate 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.