E “Tre metri sopra il cielo” divenne musical

Conto alla rovescia per la prima nazionale dello spettacolo tratto dal best-seller di Federico Moccia. Al Teatro della Luna di Milano dal 19 aprile

Prima nelle librerie, poi al cinema, fra poco a teatro. Stiamo parlando di “Tre metri sopra il cielo”, la straordinaria storia d’amore fra Babi e Step che con il mese di aprile (debutto ufficiale giovedì 19) arriva al Teatro della Luna di Milano nel musical “3MSC”, titolo che già nella sua connotazione tipicamente “da sms” indica il pubblico al quale intende rivolgersi. “Che comunque non sono solo i ragazzini – precisava già Moccia in un’intervista di qualche tempo fa al periodico “Grazia” – perché la ricerca della felicità è la stessa a 15 come a 30 anni”.

Ad interpretare il ruolo del mitico Step – al posto dell’affascinante e popolarissimo Riccardo Scamarcio – sarà questa volta l’altrettanto bello e carismatico Massimiliano Varrese, volto noto della televisione soprattutto come il milite Antonio Baldi della fiction “Carabinieri”. E che sarà accompagnato nei panni della seducente Babi dalla ventenne Martina Ciabatti, debuttante selezionata per la sua splendida voce fra 700 ragazze dopo quasi un anno di audizioni in tutta Italia.

“Non è un caso che la prima nazionale sia milanese – ha spiegato Moccia all’incontro con la stampa nel capoluogo lombardo – . Si tratta di un omaggio che ho voluto rendere alla Compagnia della Rancia, il cui apporto è stato fondamentale per la realizzazione dello spettacolo”.

Il musical, che verrà prodotto dalla società Palazzo Irreale (già impegnata lo scorso anno in “Toc Toc a Time for a Musical” con protagonista Manuel Frattini, sarà diretto da Mauro Simone e Loredana Sartori, avrà musiche di Giovanni Maria Lori e Marcello De Toffoli, coreografie di Anna Rita Larghi e un testo cui ha collaborato lo stesso Moccia. Con l’obiettivo di realizzare un prodotto frizzante, giovane e spontaneo, più vicino ad un concerto rock che non al classico musical stile Broadway o West End.

Ad accompagnare Babi e Step sul palco del Teatro della Luna saranno ovviamente tutti i protagonisti del famoso testo di Moccia, fra cui la simpatica Pallina – interpretata da Nadia Scherani –  e il vivace Pollo – al secolo Massimiliano Pironti. L’ambientazione sarà quella metropolitana degli anni Ottanta, con musiche rock e dance ispirate soprattutto ai Queen.

“La scelta di ambientare il musical negli anni Ottanta – hanno spiegato gli autori – è stata dettata dalla volontà di rimanere fedeli alla prima stesura del romanzo, quella del ’92. La scelta oltre che sulle scene e sulle musiche si rifletterà ovviamente anche nei costumi, dove ci sarà un ritorno di bolerini, ascot, jeans stretti e quant’altro possa richiamare al pubblico l’immagine di quegli anni straordinari”.

Massimilano/Step, che nasce come cantante e ballerino, ha dichiarato di essere fidanzato con “una ragazza bionda e dolcissima”, ma che per nulla assomiglia alla Babi dei romanzi di Moccia. “Detesto le ragazze con la puzza sotto il naso”, ha confidato ai giornalisti. Martina/Babi, originaria di Pistoia e studentessa di architettura, ha confessato invece di essere l’unica del cast ad aver già letto ed apprezzato “Tre metri sopra il cielo”.  “Anche se non sono sicura – ha raccontato con ingenua sincerità – se possa davvero trasmettere dei valori. Argomenti importanti come l’amore, l’amicizia e la morte sono affrontati forse in modo un po’ troppo semplice”.

Lo show, che sarà a Milano dal 13 aprile in preview con prezzi ridotti (da 10 a 39 euro), debutterà ufficialmente il 19 aprile e resterà in scena sino al 6 maggio. Terminata la parentesi nel capoluogo lombardo si fermerà sino a ottobre, per riprendere poi il suo viaggio attraverso tutta l’Italia.

Biglietti da 20,50 a 55 euro. Per informazioni: www.ticketweb.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.