I Milanesi chiedono più sicurezza

In crescita le imprese del settore della difesa privata; per un cittadino su dieci la sicurezza è il tema più sentito

A un mese esatto dal corteo per la sicurezza organizzato dal sindaco Moratti, alcuni dati della Camera di commercio di Milano sembrerebbero confermare le sue previsioni: i milanesi sono impauriti e sono in cerca di sicurezza.
Innanzitutto aumenta il business della difesa privata: da dicembre 2005 a dicembre 2006 le imprese del settore sono cresciute del 5,4%, un tasso più alto rispetto al resto d’Italia (che si mantiene sul +4,3%) nella vendita di prodotti come casseforti, antifurti, vigilanza privata. Milano è gia la capitale del settore sicurezza con 724 imprese; a distanza seguono Roma con 490, Torino 426, Napoli 332, Firenze 218, Bari 201.

Da indagini effettuate la sicurezza sarebbe il tema più sentito per un cittadino su dieci (più urgenti appaiono comunque i problemi legati all’inquinamento e ai trasporti). Come interventi, un milanese su tre chiede più vigilanza nei quartieri, ma in centro sono quasi la metà a volerli. Un po’ più impaurite le donne: il 35% vorrebbe più vigilanza, la richiesta più forte del mondo femminile rispetto ad altre operazioni per la sicurezza. I giovani chiedono maggiore sorveglianza nelle ore notturne alle fermate dei mezzi pubblici, mentre gli anziani si dimostrano più punitivi e richiedono più interventi contro la piccola criminalità (45%).

Guardando al confronto europeo gli italiani in generale si sentono più insicuri: quasi la metà (43%) teme di subire un furto entro un anno (contro una media europea del 30%) e oltre uno su tre (35% contro 28%) si sente insicuro a camminare di sera nel proprio quartiere. Per questo cercano di far fronte all’insicurezza coi sistemi d’allarme (20% delle case contro 13%) o con porte blindate (59% delle case contro 50%). Come punizione per i recidivi gli italiani sono allineati alla media europea per la prigione (24%), ma ben più alte le richieste di servizio sociale (59% contro 49%).
Tutti i dati provengono da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano,  su dati del registro delle imprese 2005 e 2006 e EU ICS 2005.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.