I vigili spiegano in piazza la sicurezza stradale

Buona organizzazione ma scarsa adesione delle scuole alle dimostrazioni della polizia locale

Delusione per il comando della polizia stradale che ha atteso invano l’arrivo delle scuole medie questa mattina, 27 aprile, in piazza Monte Grappa, per una dimostrazione pratica in occasione della "Settimana della sicurezza stradale", indetta dall’Onu per il periodo che va dal 23 al 29 aprile.

La giornata fa parte di un programma della polizia stradale che, in collaborazione con le scuole e con l’Aci, si pone lo scopo di sensibilizzare gli studenti in procinto di prendere il patentino della moto. Il progetto è rivolto quindi ai ragazzi di terza media, ma anche agli studenti dei primi anni delle superiori, e vede il coinvolgimento della polizia nel ruolo degli “insegnanti”. Sono infatti gli stessi poliziotti a salire in cattedra e a preparare i ragazzi, in corsi che durano 12 ore, all’esame per la patente della moto. Un’alternativa gratuita alle scuole guida, che permette ai ragazzi di creare un filo diretto con la polizia stradale, su iniziativa del Ministero dei Trasporti e della Pubblica Istruzione. A Varese hanno aderito sei istituti, cinque medie e uno superiore, anche se purtroppo oggi in piazza solo uno si è presentato. In compenso però si sono mostrati molto interessati i bambini di una scuola elementare che, passando per caso in zona, sono stati attratti dalle macchine della polizia nella piazza e hanno seguito con attenzione le spiegazioni dell’agente.

A sovraintendere il tutto c’era il Commissario Capo Matteo Ferrario (foto), responsabile delle attività sulla sicurezza stradale. «In piazza oggi mostriamo quali sono i mezzi da noi più utilizzati – spiega Ferrario -, come l’etilometro e l’autovelox, per monitorare le strade. Spiegandone il funzionamento speriamo di coinvolgere maggiormente i ragazzi in una guida sicura e nel rispetto delle norme del codice della strada, per la loro tranquillità e per quella degli altri».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.