In pochi anni triplicate le imprese cinesi in Italia

Su 26 mila attività "con gli occhi al mandorla" quasi la metà è nel settore del commercio

Continua l’invasione cinese nel mondo delle imprese. Secondo gli ultimi dati, su 3 milioni e mezzo di imprese italiane oltre 26 mila hanno per titolare un cinese. Ma la cosa che colpisce di più è la rapida crescita del fenomeno: rispetto al 2000, in cui erano circa 8.000, il numero delle imprese è triplicato, con una crescita superiore al 200%.

Quali sono le province più economicamente “cinesi”? Il primato è del capoluogo meneghino, che colleziona il maggior numero di ditte individuali attive nel 2006 (2.822), seguita da Prato (2.641 ditte) e da Firenze (2.618 ditte). In particolare, a Prato, una ditta su sei ha come titolare un cinese.

E per quanto riguarda i settori? È quello del commercio all’ingrosso e al dettaglio che annovera più ditte cinesi. Delle 26.000 in Italia infatti la metà fa parte di questo settore. Il secondo è quello manifatturiero con oltre 11.000 ditte, quasi il 3,3% del totale italiano. Segue il settore alberghiero e quello della ristorazione (poco più di 1.300 ditte).

Nella nostra provincia sono circa 191, di cui più della metà (101) operano nel commercio all’ingrosso e al dettaglio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.