«Incendi nel Parco Pineta, impossibile attività speculativa»

Il sindaco risponde a un lettore sottolineando che è caccia aperta ai piromani che hanno dato fuoco in diversi punti all’area verde protetta

«È impensabile anche solo pensare che vi sia qualcuno che non vuole il Parco Pineta». Il sindaco Stefano Candiani, rispondendo anche una lettera di un lettore giunta in redazione, spiega che dietro gli incendi dolosi che hanno colpito il Parco Pineta in meno di un mese «non ci può essere alcuna attività speculativa. Il Parco è un’area verde protetta e rimarrà tale, senza lacuna possibilità di costruire alcun tipo di edificio. Gli incendi di questi giorni sono sicuramente opera di personaggi che non hanno alcun rispetto del nostro patrimonio naturale».

Galleria fotografica

Incendio Parco Pineta 4 di 14

«L’area adesso sarà strettamente controllata dalle forze dell’ordine – spiega Mario Clerici, presidente del Parco Pineta -. Vi saranno pattuglie per controllare la zona, ma quello che si deve imparare è aver rispetto dei nostri boschi. Saranno effettuati molti controlli, è impensabile presidiare tutta l’area, ma faremo il possibile perché non accadano più queste cose».
«Le forze umane in campo per difendere i nostri parchi non sono poche – prosegue il sindaco -, Sicuramente servono più uomini per il Corpo Forestale, ma i volontari della Protezione Civile hanno fatto un ottimo lavoro per contenere gli incendi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 aprile 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Incendio Parco Pineta 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.