Incidenti stradali, oltre 1000 vittime ogni anno in Lombardia

In Consiglio regionale iniziativa bipartisan per istituire un gruppo di lavoro ad hoc

Occorre porre un freno alla piaga degli incidenti stradali che in Lombardia come in tutta Italia sono la prima causa di morte per i giovani e i giovanissimi.

Per questa ragione tutti i capigruppo del Consiglio regionale hanno deciso di chiedere al Presidente dell’Assemblea, Ettore A. Albertoni, di costituire un gruppo di lavoro tra le commissioni Trasporti, Sanità e Istruzione, che elabori politiche ed interventi per la sicurezza stradale. Il gruppo di lavoro non sarà una nuova commissione ma si avvarrà della struttura tecnica del Consiglio e avrà come scopo il monitoraggio delle iniziative presenti nella nostra regione per aumentare la sicurezza stradale, sotto il profilo dell’informazione e dell’istruzione, della legislazione, dell’adeguamento anche tecnologico delle infrastrutture, dell’attenzione alla segnaletica, al controllo della velocità e delle condizioni di chi guida e degli stessi veicoli.

I capigruppo hanno inviato al Presidente del Consiglio regionale una lettera con la quale manifestano l’intenzione di dare vita al gruppo di lavoro, che per prima cosa raccoglierà dati sull’ampiezza del fenomeno (numero degli incidenti, le modalità, le cause) e sui suoi costi umani, sociali ed economici, sia riguardo alle vittime, sia riguardo alle conseguenze sulle famiglie e le comunità di riferimento. Il gruppo farà inoltre il punto sulle iniziative normative attivate o allo studio in Lombardia, in altre Regioni italiane ed europee, sulle normative nazionali e comunitarie di riferimento, sulle recenti raccomandazioni delle Nazioni Unite.

Gli esiti del monitoraggio dovranno poi essere tramutati in proposte legislative o in iniziative di promozione di pratiche virtuose, per arrivare a ridurre il numero degli incidenti stradali e, in definitiva, il numero delle vittime.

 

Alcuni dati

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità in Italia ogni anno perdono la vita sulle strade circa 6.200 persone e 16.000 sono gli invalidi gravi. In Lombardia i morti sono circa 1000 all’anno e 2.500 gli invalidi gravi. Di questi il 30% sono giovani tra i 15 e i 29 anni, circa l’80% maschi. In generale tra i 5 e i 40 anni in Lombardia gli incidenti stradali sono la prima causa di morte. Per ogni persona deceduta ci sono 2,56 invalidi gravi e oltre venti persone che rimangono portatrici di invalidità media o minore. Oltre al dato umano dei singoli e delle loro famiglie, i costi sociali degli incidenti stradali sono altissimi, stimabili in 34 miliardi di euro per l’Italia, di cui 6 relativi alla nostra Regione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.