L’azienda deve avere obiettivi ambiziosi, ma raggiungibili

Efficienza operativa e strategia manageriale sono le due modalità che caratterizzano la gestione aziendale.
Rappresentano la condizione necessaria e sufficiente per la corretta conduzione e determinano di conseguenza le politiche di intervento e le azioni conseguenti da attuare.
L’integrazione delle due attività permette di definire il corretto sistema degli obiettivi aziendali che deve essere il traguardo da raggiungere per ottenere lo sviluppo dell’impresa. La determinazione degli obiettivi è il focus,con il controllo dei risultati, dell’attività dell’imprenditore.
Diviene quindi fondamentale la loro scelta che non potrà mai più,come avveniva anni addietro, essere estemporanea ed istintiva (un tentativo legato al “fiuto” dell’imprenditore), ma sempre legata all’analisi del mercato e alla quantificazione delle risorse necessarie per raggiungerli (un progetto).
Gli obiettivi quindi debbono essere: concreti, misurabili, scalari, coerenti, ambiziosi, raggiungibili, integrati; sono di conseguenza un vero sistema che per poter funzionare necessita dell’assenza di elementi di contraddizione.
Pertanto sono loro che condizionano le strategie gestionali per conseguirli, con la consapevolezza però che lo sviluppo aziendale determinato dal loro raggiungimento non può essere indefinitivamente legato ad un unico e solo modello di business, ma deve necessariamente, passo dopo passo, individuare nuove metodologie strategiche per continuare a garantire crescita e competitività.
Ecco il valore del “cambiamento vissuto positivamente”proprio quando, anche se le attività soddisfano ancora, i leading indicator (indicatori finanziari di risultato) segnalano invece difficoltà e quindi necessità di trasformare il proprio modello di business.
Sono gli scenari di mercato che debbono essere costantemente monitorati, perché la tecnologia “impazza” e fa mutare rapidamente il gusto dei clienti; quindi solo un continuo “ascolto” delle loro esigenze (desideri), effettuato da specialisti, può assicurare una modalità per garantirsi il successo.
Questa attività manageriale di analisi costante, deve focalizzarsi sulla verifica continua di alcuni elementi e sulle cinque forze che determinano le condizioni di competitività dei mercati.
Molti esperti di management hanno elencato differenti elementi per approntare un quadro di verifica delle formulazioni strategiche aziendali, tuttavia ad oggi i parametri di valutazione più interessanti sono quelli dovuti alla ricerca di M. Porter.
L’analisi di Porter permette di conseguenza di valutare la competitività dei mercati grazie all’andamento dei seguenti parametri:
La focalizzazione strategica, con l’analisi dei mercati di massa e quelli di nicchia, la competitività sui costi e quella sulla differenziazione.
Il modello di redditività di settore, con la verifica sul potere dei clienti,quello dei fornitori, quello dei concorrenti, i nuovi potenziali entranti e il peso dei prodotti sostitutivi.
Il modello di analisi della catena del valore, con la descrizione dei processi gestionali e della loro coerenza, focalizzata nell’individuazione di vantaggi competitivi duraturi nel tempo.
Infine la correlazione tra strategia, tecnologia, innovazione, struttura aziendale e sviluppo con gli elementi di formalizzazione,decentramento,livello di competenze dei collaboratori,comunicazione e coordinamento,monitorati dal “pannello di controllo”.
L’evidenziazione di tutti questi elementi consente quindi di porsi una serie di domande le cui risposte permetteranno la scelta della strategia competitiva più consona alla singola azienda.
Vedremo nel prossimo articolo come correlare queste risposte ai punti di forza aziendali che rappresentano le risorse disponibili alle quali può attingere l’imprenditore o il manager per garantirsi competitività e crescita.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.