“La Pardà è da proteggere”, parola di Villa Recalcati

Voto all'unanimità del consiglio provinciale per salvaguardare l'area verde così come richiesto dalla petizione sostenuta da 1200 abitanti cantellesi

Una vittoria netta, all’unanimità. La Pardà, l’area verde e boschiva del comune di Cantello, ha ottenuto col voto concorde di tutti i consiglieri provinciali, il riconoscimento di territorio agricolo da proteggere. Una vittoria soprattutto per i 1200 abitanti cantellesi che, per fermare la costruzione di quattro palazzine in quell’area, hanno sostenuto una petizione presentata dal comitato spontaneo “salviamo la Pardà”.

«Il nostro primo obiettivo era fermare il progetto edilizio del Comune – ha spiegato Vittorio Piazza, uno dei promotori della raccolta di firme iniziata alla fine del 2006 -. Il timore era quello che questa prima costruzione avrebbe spianato la strada ad altri progetti, tra cui l’intenzione di costruire una tangenzialina esterna, che avrebbero compromesso l’integrità di quest’area». Da Villa Recalcati è arrivato anche l’invito, rivolto all’amministrazione comunale cantellese, di tutelare la Pardà e di seguire l’opinione dei propri cittadini. A portare di fronte al consiglio provinciale di ieri la discussione su Cantello è stata la  minoranza rappresentata da Paolo Rizzolo della Margherita che ha proposto un emendamento al Piano di coordinamento provinciale proprio ieri in fase di approvazione definitiva. L’osservazione ha ottenuto l’appoggio della Lega Nord e subito dopo il parere favorevole di tutti i rappresentanti del consiglio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.