La Whirlpool che vogliamo: infiamma Masnago e travolge Cantù

Varese-Tisettanta 80-69. Un tremendo secondo tempo dei biancorossi abbatte i brianzoli nel derby davanti al tutto esaurito. I playoff tornano nel mirino

Avevamo auspicato che la Whirlpool si ricordasse quant’è bello vincere il derby e i giocatori di Magnano questa volta sono stati puntuali: una Varese esplosiva sconfigge Cantù (80-69), torna in corsa per i playoff e ricorda ai cinquemila di una Masnago tutta esaurita come si fa ad amare i colori biancorossi.
Una volta di più è il collettivo a fare la differenza: da un Magnano che stavolta azzecca ogni scelta a Capin, miglior marcatore, passando dalla produttività di Galanda al coraggio di Carter fino all’utilità di un Holland non al meglio. Il tutto condito da un Rolando Howell stavolta strepitoso nel momento giusto, nel cuore cioè del terzo periodo in cui Varese manda al tappeto i rivali (parziale di 14-0) con canestri importanti del pivot abbinati alla solita difesa da piovra.
Varese fa suo un derby – il quarto consecutivo – a tratti molto bello, anche dal punto di vista dello spettacolo; una gara che si risolve quando Cantù inizia a balbettare dall’arco dopo un avvio strepitoso e non trova nei suoi americani quelle risposte che giungono dai soli Mazzarino e Jones. Il popolo biancorosso può così gioire, in attesa di rivedere nelle ultime due partite la stessa intensità e la medesima voglia di vincere. Quelle qualità che ci possono e ci devono mandare ai playoff.

Galleria fotografica

Whirlpool-Cantù 80-69 4 di 12

COLPO D’OCCHIO – Per il derby non c’è screzio tra i tifosi che tenga. Tutta Masnago si presenta “compatta e nerboruta” a formare un mare biancorosso per spingere la Whirlpool contro Cantù. Volti noti e importanti in parterre: da Charlie Recalcati dal cuore diviso, a Sandro Gamba omaggiato nel prepartita con la presentazione del libro a lui dedicato, fino al presidente federale Maifredi e a Cecco Vescovi. Il derby è sempre un brivido.

PALLA A DUE – Molti fischi e qualche applauso per l’unico ex Paolo Conti alla presentazione. Il lungo non è comunque nel quintetto di Sacripanti, al solito tutto straniero. Per Magnano non cambia nulla rispetto a Roma, con Hafnar ala titolare al posto dell’acciaccato Holland.

LA PARTITA La Tisettanta accende per prima il motore, centrando subito tre triple che fanno male a una Whirlpool dalle basse percentuali (2-9). Una situazione che non si sblocca, tanto che Jordan, subito a quota 9, firma il 4-15. Magnano spedisce subito dentro Capin e Holland: sono loro a ridar forza a una Whirlpool che soffre le ottime scelte di Jones. Il primo quarto che rischiava di sfuggire finisce così 16-22.
Nel mini intervallo solita, spettacolare coreografia della Nord, che ormai ci ha abituato a spettacoli simili: il refrain questa volta è il classico “bruceremo Cantù”.
Varese (con Jordan in panca) si riavvicina ma spreca con Holland i tiri liberi del riaggancio; Delonte comunque è un fattore pesante nell’economia varesina, dove anche la difesa fa buon lavoro. Anzi, parte dalla retroguardia (rubata e contropiede di Capin) il primo pareggio, con Sacripanti costretto al timeout (23-23). Tocca allora a Mazzarino e Jordan riaprire il solco dall’arco (28-35), dove Cantù vanta percentuali tremende. La Whirlpool stavolta raccoglie la sfida del tiro pesante e manda a segno da tre prima Fernandez poi De Pol (34-37), poi impara a sue spese anche a difendere sui tagli sulla linea di fondo. Hafnar purtroppo litiga col pallone; poco male: i liberi di Fernandez mandano tutti al riposo sul 38-40 ospite.

La sorpresa di inizio terzo periodo, quello in cui la gara si decide, è un Howell pungente in attacco che firma il nuovo pareggio e poi la straordinaria schiacciata del 46-44, con urlaccio in faccia a Wilson. Cantù è soprattutto Jordan, ma Carter e Galanda trovano le due triple che incendiano Masnago e segnano il primo vantaggio vero (52-46). Qualche problema per Magnano giunge dalla situazione falli, con Gek, Keys e Capin a quota tre. Howell inchioda il +10 al 26’, quando cioè i brianzoli ammaccano tre volte il ferro dall’arco. Due liberi di Capin firmano il 14-0 di parziale che spinge Sacripanti a chiamare la zona, con Shaw che rompe il digiuno ospite. E’ di nuovo Capin a far saltare la difesa dall’arco per il 63-50 del 30’.

IL FINALE – Passano 2’40” e un timeout prima di vedere palloni a segno nell’ultimo quarto (Holland), con Magnano che cambia radicalmente il quintetto (solo Hafnar resta in campo). Jones diventa protagonista con un 6-0 tutto suo che riporta sotto Cantù, 65-56, finché Keys non colpisce dall’arco. Rientrano Jordan e Carter, ma sono Mazzarino e Shaw a fare paura, insieme a uno sfondamento più che dubbio contro Holland. Da Carter arriva ossigeno puro; arriva anche il quinto fallo di Jordan su cui Keys fa un solo libero (71-62) come poi Smith. In lunetta va anche Howell per un 2/2 quasi epocale. La Tisettanta non molla ma il canestro della liberazione personale di Hafnar (il primo a segno) e un contropiede Howell-Carter mettono di fatto fine alle ostilità con 68” da giocare. Sulle tribune inizia una festa, attesa e sognata: ora bisognerà farla durare.

IL PROTAGONISTA – Tutti in piedi per Rolando Howell. Tocca a lui stavolta a girare la partita, con quella raffica che riempie il terzo periodo e stupisce l’intero palasport. A restare a bocca aperta è soprattutto la difesa ospite, che nel momento più delicato si vede trafiggere nel cuore dell’area dal saltatore americano.
.

IL TABELLINO

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 28 aprile 2007
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Whirlpool-Cantù 80-69 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.