Luce rischia la chiusura: “Il territorio si mobiliti”

Comunicato sindacale sulla delicata situazione del settimanale, in attesa di un piano di riorganizzazione

Aria di crisi al settimanale cattolico Luce. La redazione del giornale ha deciso di esprimere pubblicamente "tutta la sua preoccupazione per l’aggravarsi della situazione del giornale e, soprattutto, per l’intenzione della diocesi di Milano di rinuciare a proseguire sul territorio la storica esperienza del nostro periodico, nella formula editoriale attuale".
La situazione appare difficile. La proprietà ha annunciato che saranno necessari tagli, ovvero riduzione di personale, ma i giornalisti non nascondono di temere una vera e propria cancellazione della testata, in difficoltà economiche.

La redazione del giornale spera "che sia ancora spazio per un ripensamento rispetto alla eventuale chiusura del settimanale, soprattutto perchè essa comporterebbe un taglio di posti di lavoro". Ma non solo. I giornalisti chiedono anche un riscontro al territorio, che da anni battono come attenti osservatori di una testata che si caratterizza sia per la profondità dei contenuti, sia per la sobrietà e acutezza di analisi. "Speriamo che anche dal territorio – recita un comunicato sindacale –  siano testimoniate vicinanza e solidarietà circa l’importanza di questa presenza nel campo dell’informazione locale. Ci appelliamo a tutte quelle realtà, ecclesiali, civili, associative e politiche, che in questi decenni ci hanno conosciuto e hanno potuto apprezzare la qualità professionale del nostro lavoro perchè esprimano concretamente il loro sostegno".

Luce è diretto da Saverio Clementi, ha cinque redattori e una decina di collaboratori e due edizioni, Varesotto e Altomilanese; numeri speculari all’altro settimanale della diocesi, Il Resegone di Lecco.
Luce è stato fondato nel 1914 da monsignor Carlo Sonzini. Dalla redazione, il fiduciario sindacale Maria Teresa Antoniazza rimarca l’appello. "Luce è una voce che non può essere spenta".

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.