Manifesti elettorali, che la battaglia abbia inizio

L'Udc getta il guanto con: "Non vogliamo che le coppie gay diventino mamma e papà". E la Lega va al cinema

Sarà battaglia dura e e senza esclusione di colpi. I temi in campo nelle prossime elezioni sono forti e chiamano in causa la famiglia, l’etica e non più (o non solo) le opere pubbliche, la gestione e l’economia del territorio. E così i partiti, lancia in resta, hanno cominciato ad attirare l’attenzione del cittadino con manifesti molto "diretti". Un esempio è quello affisso dall’Udc in questi giorni nelle vie principali della Provincia: "Non vogliamo che le coppie gay diventino mamma e papà". Non c’è dubbio che un messaggio del genere non lasci indifferente. E questo è il primo passo. Un nostro lettore si è trovato, al cinema, davanti a un filmato propagandistico della Lega Nord ed è rimasto prima sorpreso poi "disturbato" dal fatto di non poter cambiar canale come quando guarda la televisione a casa.  
La fantasia di partiti e candidati è partita al galoppo. Se, sulla vostra strada, vi imbattete in un manifesto che per qualche ragione vi colpisce, fate una foto e mandatela a redazione@varesenews.it ; allo stesso indirizzo potrete inviare come di consueto anche le riflessioni su questo tema. Noi siamo pronti (e preparati a tutto). E voi?

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.