Mirabelli: «La scelta di Milani rafforzerà il centrodestra»

L’opinione del segretario cittadino dei Ds dopo la decisione di “Italia dei valori” di correre sola alle elezioni provinciali

Riceviamo e pubblichiamo

Pur rispettando la scelta dell’Italia dei valori di tornare sui propri passi, dopo avere sottoscritto, a dicembre, la candidatura di Mario Aspesi,  crediamo che essa, purtroppo, non avrà altro risultato che quello di rafforzare ulteriormente il sistema di potere creato negli ultimi 15 anni dal centrodestra.
Il signor Milani è certamente uomo animato da una sincera passione politica, tuttavia le sue motivazioni per rompere, seppure al primo turno, una coalizione di cui l’Italia dei valori, a livello nazionale, fa parte, ci paiono del tutto pretestuose.
In particolare, sulla questione dei CDA nelle municipalizzate, il centrosinistra varesino ha chiesto, con forza, in tempi non sospetti, maggiore trasparenza, denunciando la spartizione di tutte le poltrone, poltroncine e sgabelli disponibili tramite un manifesto e un volantino significativamente intitolati: “La questione morale” e “La Casa delle cadreghe”.
Dov’era , all’epoca, il signor Milani?
Ci spiace, pertanto, che egli, utilizzi soprattutto questo argomento per non condividere un progetto comune a tutto il centrosinistra.
Quanto alla Pedemontana e alla tangenziale, rappresentano, come ogni persona di buon senso può intuire, gli indubbi risultati positivi che, non solo il ministro Di Pietro, ma l’intero governo Prodi ha saputo conseguire per Varese.
Scegliere di chiudersi nella propria specificità e particolarità, correndo egoisticamente da solo, seppure al primo turno, per un puro e semplice calcolo elettorale è un fatto grave che niente ha a che vedere con la richiesta di unità proveniente dagli elettori di centrosinistra.

Fabrizio Mirabelli
Segretario DS Varese

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2007
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.